I dati sulla salute calabrese nel prossimo “Rapporto Sentieri”

La presentazione è prevista a Roma il 4 luglio. Il focus sul tasso di tumori e anomalie congenite riguarda l’area tra Crotone e Cosenza

Il 4 Luglio 2019, a Roma, saranno presentati, presso l’Istituto Superiore di Sanità, i risultati del 5°cv “rapporto Sentieri”, acronimo che sta per “Studio epidemiologico nazionale dei territori e degli insediamenti esposti a rischio da inquinamento”. Il Progetto “Sentieri” rappresenta un sistema permanente di sorveglianza epidemiologica della popolazione residente in 45 aree del Paese definite dal Ministero dell’Ambiente Siti di Interesse Nazionale per le bonifiche (SIN). I nuovi dati dello studio Sentieri (la Calabria sarà interessata poiché è presente il SIN di Crotone, Cassano e Cerchiara) riguardano l’analisi, per il periodo 2006-2013, del profilo di salute delle popolazioni che risiedono nei 45 Siti di Interesse Nazionale o Regionale per le bonifiche, basata su metodi e fonti informative accreditati. Questo include la mortalità, i ricoveri ospedalieri, l’incidenza dei tumori e le anomalie congenite. Per la prima volta vengono inoltre presentati i dati sulla sottopopolazione infantile e giovanile che risiede in queste aree. La metodologia utilizzata per il Progetto “Sentieri” è stata applicata, con alcuni specifici adattamenti, ai Comuni che in base alla legge 6 del 2014 costituiscono la “Terra dei Fuochi” e alcune aree ad alto rischio ambientale della Calabria, a seguito anche della sesta conferenza interministeriale su ambiente e salute, ospitata dalla Repubblica Ceca a Ostrava dal 13 al 15 giugno 2017, sotto l’egida della Regione Europea della Organizzazione Mondiale della Sanità. In tale circostanza, che ha visto riuniti oltre 450 rappresentanti dei 53 paesi della Regione europea dell’OMS e delle organizzazioni internazionali e non governative, si è sottolineato l’importanza di una maggiore collaborazione ed a un lavoro comune in direzione della sostenibilità per proteggere ambiente e salute. Inoltre; tra le tematiche a cui si deve dare una priorità, è presente quella delle aree industriali e siti contaminati.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto