Crotone, c’è un altro caso di Coronavirus in città

Si tratterebbe di un cittadino entrato in contatto con persone venute in vacanza nel capoluogo. A rilevarlo il test processato al Pugliese-Ciaccio di Catanzaro. Nelle prossime ore saranno effettuati altri tamponi ai soggetti della rete dei contatti dell’uomo

Coronavirus Calabria

di Gaetano Megna
CROTONE Ritornano i positivi nella provincia di Crotone. La notizia è arrivata in serata dal laboratorio analisi del Pugliese-Ciaccio, dove è stato processato il tampone di un cittadino crotonese. Si tratta di un uomo inferiore a 50 anni. Sempre dal laboratorio di Catanzaro è arrivato il risultato di nove tamponi positivi relativi ad ospiti del Cara Sant’Anna. Il bollettino diffuso dall’Azienda sanitaria di Crotone riporta solo i casi del Sant’Anna che, nonostante il numero elevato, non destano preoccupazione, perché sono stati collocati in quarantena sin dal giorno del loro sbarco sulle coste crotonesi. I nove nuovi casi del Cara Sant’Anna sono asintomatici. Preoccupa, invece, molto il positivo di Crotone perché ancora non è stata ricostruita per intero la storia del suo contagio.
Dovrebbe, comunque, trattarsi di un contagio di importazione. L’uomo potrebbe essere venuto a contatto con soggetti provenienti da altre regioni arrivato a Crotone per un periodo di vacanza. «Bravo il medico di base», ha detto il direttore generale facenti funzioni dell’Asp, Francesco Masciari. È stata infatti, il medico curante a sollecitare il suo assistito a fare l’esame sierologico.
Qualche giorno prima l’uomo aveva avuto una febbre leggera. L’esame sierologico ha dato il risultato positivo, che è stato confermato dal tampone processato oggi a Catanzaro. La task force dell’Asp pitagorica si è, comunque, messa subito all’opera per ricostruire i movimenti del soggetto e individuare tutte le persone con le quali è venuto a contatto.
Domani, secondo quanto riferisce Masciari, «saranno fatti diversi tamponi». Si spera di circoscrivere la situazione, così come è stato fatto con successo nei mesi dell’esplosione della pandemia. Era dal 27 giugno scorso che non c’erano più tamponi positivi al covid-19 nella provincia di Crotone, fatta eccezione per i casi di extracomunitari sbarcati nel porto pitagorico.
C’era stato l’episodio della donna a Caccuri, ma il contagio non era riconducibile al territorio del Comune della provincia pitagorica. I tamponi e gli esami sierologici fatti a Caccuri hanno dato esito negativo e l’allarme è rientrato. (redazione@corrierecal.it)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto