Decreto Calabria: fino a tre anni di commissariamento, 180 milioni per i debiti e l’obiettivo del Piano anti Covid

Terza bozza in tre giorni per il provvedimento che ridisegna la sanità. Cotticelli prorogato fino alla nomina del nuovo referente del governo. Fino a 3 milioni per il supporto di Agenas – IL TESTO

CATANZARO C’è una nuova bozza del Decreto Calabria, la terza in tre giorni. Forse quella definitiva, visto che è stata diffusa prima della riunione che precede il Consiglio dei ministri. Potrebbe ancora cambiare ma, in linea di massima, l’impalcatura del testo dovrebbe restare immutata. Ve ne abbiamo già parlato qui e qui.

IL PIANO ANTI COVID I poteri del super commissario alla Sanità saranno ampliati. Si occuperà, infatti, «ove delegato», del Programma operativo di potenziamento delle Terapie intensive e semi-intensive, compito finora trattenuto dal commissario straordinario nazionale Domenico Arcuri e rispetto al quale in Calabria si è generato un conflitto di competenze tra commissario al Piano di rientro e Regione che ha portato a una sostanziale paralisi del progetto di rafforzamento.
Il Commissario ad acta si avvarrà dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) «che fornisce supporto tecnico e operativo. (…) Per la copertura dei relativi oneri nel limite massimo di euro 580.000 per l’anno 2020 e di euro 3.350.000 per l’anno 2021, si provvede utilizzando l’avanzo di amministrazione dell’Agenas, come approvato in occasione del rendiconto generale annuale». Il super commissario è chiamato a inviare «al Ministro della salute, ogni sei mesi, una relazione sullo stato di attuazione delle misure di cui al presente Capo», anche con riferimento al Piano Covid.

>>> SCARICA LA BOZZA <<<

COTTICELLI RESTA (A TEMPO) Fino alla nomina del nuovo Commissario ad acta, il ruolo sarà ricoperto dal generale Saverio Cotticelli. Il governo, però, interviene per revocare « le procedure selettive dei direttori generali in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto. I direttori generali degli enti del servizio sanitario della Regione Calabria eventualmente nominati dalla Regione nei trenta giorni anteriori alla data di entrata in vigore del presente decreto cessano dalle loro funzioni dall’entrata in vigore del presente decreto».

ALTRI TRE ANNI? Il decreto chiarisce che «le disposizioni» si applicano «sino alla attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria e comunque non oltre 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, prorogabili di ulteriori 12 mesi con delibera del Consiglio dei ministri su proposta del Ministro della salute».

LE NOMINE DEI COMMISSARI Sarà il commissario ad acta a nominare, entro 30 giorni dalla propria nomina, «previa intesa con la Regione, nonché con il rettore nei casi di aziende ospedaliere universitarie», un Commissario straordinario per ogni ente, o anche per più enti, del servizio sanitario regionale. «In mancanza d’intesa con la Regione entro il termine perentorio di dieci giorni – si legge nella bozza –, la nomina è effettuata con decreto del Ministro della salute, su proposta del Commissario ad acta, previa delibera del Consiglio dei ministri, a cui è invitato a partecipare il presidente della Giunta regionale con preavviso di almeno tre giorni». Il compenso per i commissari è di circa 125mila euro all’anno. Saranno chiamati ad adottare gli atti aziendali entro 60 giorni dalla nomina. Ogni quattro mesi il loro operato sarà sottoposto a controllo dal super commissario. Inoltre questi verifica la sussistenza di casi di decadenza dei direttori amministrativi e sanitari. E li sostituisce, in caso di decadenza, attingendo dagli elenchi regionali di idonei.

180 MILIONI PER RIDURRE I TEMPI DI PAGAMENTO La stesura (forse) definitiva riporta la creazione di un contributo di solidarietà «in relazione alla grave situazione economico-finanziaria e sanitaria determinatasi nella regione Calabria, al fine di ricondurre la gestione nell’ambito dell’ordinata programmazione sanitaria e finanziaria e ricondurre i tempi di pagamento al rispetto della normativa dell’Unione europea». Per «ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023» il governo autorizza «la spesa fino a un massimo di 60 milioni di euro in favore della regione, subordinatamente alla sottoscrizione dello specifico Accordo tra lo Stato e le regioni concernente l’intervento straordinario per l’emergenza economico-finanziaria del servizio sanitario della regione Calabria e per il riassetto della gestione del servizio sanitario regionale».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto