Palmi, maxitruffa all’Inps: 11 arresti e 152 sequestri – NOMI E VIDEO

I fermi sono scattati tra Roma e la provincia di Reggio. Congelati in modo preventivo i beni dei presunti responsabili. Procura e guardia di finanza scoperchiano una truffa da 750mila euro. Nella “struttura” criminale anche alcuni consulenti del lavoro

PALMI Militari del Gruppo di Gioia Tauro, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi e con l’ausilio di personale del Nucleo Pef di Roma e degli altri Reparti dipendenti dal Comando provinciale di Reggio Calabria, dalle prime ore di questa mattina, stanno dando esecuzione a un provvedimento che ha disposto la misura cautelare in carcere nei confronti di 11 soggetti, residenti nei comuni di Gioia Tauro, Palmi, Reggio Calabria e Roma e l’applicazione del sequestro preventivo a carico di 152 persone, tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dell’Inps.

Le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica di Palmi, Ottavio Sferlazza, e dai sostituti Ignazio Vallario e Daniele Scarpino, hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza in ordine all’esistenza di un’associazione per delinquere, nella quale gli indagati Giuseppe Carbone, Francesco Lovecchio, Claudio Castaldo e Salvatore Calabria rivestivano il ruolo di promotori ed organizzatori, e nella cui struttura sono risultati inseriti anche consulenti del lavoro, dedita alla commissione dei delitti sopra indicati con particolare riferimento alla indebita percezione di indennità previdenziali correlate a rapporti di lavoro fittizi.
Gli indagati colpiti da ordinanza di custodia cautelare sono i seguenti:
1) CARBONE Giuseppe (classe 1962), residente a Palmi;
2) CASTALDO Claudio (classe 1976), residente a Gioia Tauro;
3) LOVECCHIO Francesco (classe 1975), residente a Roma;
4) CALABRIA Salvatore (classe 1977), residente a Roma;
5) TAVERNA Alessandro (classe 1969), residente a Roma;
6) ARENA Bruno (classe 1967), residente a Reggio Calabria;
7) SACCA’ Pasquale (classe 1978), residente a Gioia Tauro;
8) PARISI Vincenzo (classe 1966), residente a Palmi;
9) ZAPPONE Liliana (classe 1966), residente a Palmi;
10) BELLAMACE Gaetano (classe 1954), residente a Gioia Tauro;
11) SCUDERI Demetrio (classe 1960), residente a Reggio Calabria.

In particolare, sono state accertate fraudolente percezioni di indennità previdenziali, per cui sono stati disposti 152 sequestri preventivi, nei confronti di altrettanti soggetti, indagati di concorso in truffa aggravata e risultati beneficiari delle predette prestazioni previdenziali, per un valore complessivo di circa 750mila euro.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto