«Un rudere spacciato per palazzo»

Precisazione della famiglia di Leonardo Portorano sulla demolizione avvenuta a Cassano lo scorso 15 ottobre: «Non fu lui l’autore dell’abuso»

Riceviamo e pubblichiamo la precisazione della famiglia di Leonardo Portorano in merito all’articolo “Ville abusive dei boss abbattute a Cassano” sulla demolizione della costruzione abusiva effettuata lo scorso 15 ottobre a Sibari:

Quali eredi di Portoraro Leonardo in riferimento alle affermazioni rilasciate ai Mass Media dal presidente dell’antimafia senatore Nicola Morra e dell’eccellentissimo prefetto di Cosenza Paola Galeone, in ordine alla demolizione di alcune presunte opere abusive appartenute al proprio genitore, premesso che riteniamo giusta l’esecuzione dell’atto di demolizione dell’immobile edificato in violazione delle norme in materia, si chiarisce quanto appresso segue:
a- l’opera abusiva (immobile allo stato iniziale, rimasto tale sin dagli ’80) demolita, era di proprietà di Tudda Letizia, la quale per questo abuso veniva condannata dal Tribunale di Castrovillari mediante rito alternativo-richiesta di applicazione della pena da parte dell’imputato. Si precisa che la fu Sig.ra Tudda Letizia non ha mai commesso alcun reato o riportato condanne per reati di tipo mafioso.
b- Portoraro Leonardo, invece, veniva tratto a giudizio: il processo a carico di Portoraro Leonardo proseguiva con altro Giudice sempre del Tribunale di Castrovillari e sempre per i reati ascrittigli esecutore di opere abusive in concorso con la proprietaria Tudda Letizia. Tale processo si concludeva con sentenza n.1029/2017 R.G Sentenza del 06.07.2017 divenuta irrevocabile il 04.11.2017, con la quale sentenza Portoraro Leonardo veniva assolto dal reato ascrittogli per non aver commesso il fatto. In forza, pertanto, di detta sentenza assolutoria il fu Portoraro Leonardo non può e né deve essere considerato esecutore delle opere realizzate abusivamente da Tudda Letizia.
c- Ricordiamo a noi stessi che: “La sentenza penale irrevocabile di assoluzione pronunciata in seguito a dibattimento ha efficacia di giudicato, quanto all’accertamento che il fatto non sussiste o che l’imputato non lo ha commesso”.
d- Il fu Portoraro Leonardo, dopo aver pagato il debito con la giustizia ed essere tornato in libertà nell’anno 2006, ha vissuto per 13 anni nella completa integrazione sociale, poiché come provato da diverse sentenze del Tribunale della libertà non era più considerato socialmente pericoloso. Ciò è dimostrato anche dal non aver più avuto alcun carico pendente dal 2006 al 2018, né alcuna sentenza di condanna per qualsivoglia reato. Si comprende appieno il fermento politico dovuto al clima preelettorale delle elezioni regionali prossime e le aspirazioni alla carica di Governatore della regione Calabria di taluni, ma ciò non giustifica la becera e diffamatoria propaganda mediatica effettuata in queste ore al solo fine di raggranellare consensi. La demolizione dell’unico rudere rimasto tale dagli anni 80 non può e non deve restare un semplice specchietto per le allodole rispetto alle decine di costruzioni abusive contigue alla predetta. Alla luce di quanto sopra riportato il fu Portoraro Leonardo non può essere minimamente considerato responsabile di alcun abuso edilizio e né può essere collegato alla demolizione oggetto delle affermazioni di cui sopra. Né consegue che nessuna famiglia mafiosa può essere e deve essere collegata ai fatti accaduti. Per questi motivi abbiamo presentato ricorso in autotutela al comune di Cassano Ionio. Si chiede, pertanto, di voler, ai sensi delle norme sulla stampa, rendere noto tale comunicato. In merito ai riferimenti tendenziosi e diffamatori, circa l’essere una “famiglia mafiosa” o “famiglia malavitosa”, gli scriventi si riservano di adire le autorità competenti in sede civile e penale al fine di tutelare il proprio onore.
Leonardo Portoraro
Zeudi Portoraro

Con piacere pubblichiamo la nota di precisazione all’articolo, nel quale non avevamo fatto altro che riportare quanto dichiarato durante la conferenza stampa dalle massime autorità territoriali presenti. (lu.la.)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto