«La Chiesa di Piedigrotta diventi un’“eccellenza” del Fai»

La cooperativa Kairos ha tenuto una conferenza stampa per la raccolta firme della campagna “I Luoghi del cuore”. «Un bene comune, va promossa la sua conoscenza»

Si è tenuta oggi a Pizzo, presso il Castello Murat, la conferenza stampa attraverso la quale la Cooperativa Kairos, ente gestore del Castello Murat e della Chiesa di Piedigrotta, ha ufficializzato l’apertura della campagna di raccolta firme “I Luoghi del cuore”, del Fondo ambiente italiano. Kairos ha infatti costituito un comitato di promozione del monumento, Kairos per Piedigrotta, al fine di realizzare un programma di iniziative culturali che hanno come obiettivo la raccolta firme per inserire la Chiesa di Piedigrotta nei monumenti che potrebbero essere oggetto di un intervento strutturale del bene. Infatti, dopo ogni censimento Fai e Intesa Sanpaolo mettono a disposizione un budget di 400.000 euro: una parte viene destinata ai primi tre classificati, l’altra viene assegnata attraverso un bando a cui possono partecipare tutti i luoghi con una soglia minima di voti. Fino ad ora sono stati sostenuti interventi a favore di 92 luoghi d’arte e di natura in 17 regioni.
A sostenere Kairos e il comitato costituito, vi sono il Comune di Pizzo (presente infatti alla conferenza stampa l’assessora alla Cultura Cristina Mazzei) e la delegazione del Fai di Vibo Valentia nelle persone di Maurizio Bonanno e di Teresa Saeli.
«Ma in questa impresa Kairos va oltre Kairos – dice il presidente della Cooperativa Francesco Pascale –. Abbiamo intenzione di creare una rete con tutti gli operatori e le operatrici culturali, le scuole e tante realtà associative presenti sul territorio, perché Piedigrotta è un bene comune, che interseca la sua storia e, soprattutto, la sua leggenda con l’identità dell’intera cittadinanza e la biografia dell’intera comunità pizzitana e non solo. Kaiors ha sempre creduto nel bene comune come patrimonio collettivo e sappiamo di poter contare sulla sinergia che si creerà attorno all’obiettivo comune: promuovere la conoscenza di Piedigrotta».
La Chiesa di Piedigrotta è il secondo sito più visitato in Calabria dopo i Bronzi di Riace, rischia oggi di scomparire proprio per via di quegli agenti atmosferici che la rendono mistica: infatti la Chiesa, interamente scavata nell’arenaria da una famiglia di artisti locali, sorge a due passi dal mare e su due sorgenti d’acqua dolce. Questa contingenza di fattori che creano un gioco di luci e ombre e colori mozzafiato, mette in serio pericolo il perdurare del monumento.
«Sono felice della scelta della Cooperativa di inserire Piedigrotta tra “I luoghi del cuore” – commenta Teresa Saeli, Federazione Fai Vibo Valentia – e sono felice di constatare che Kairos abbia colto in pieno le finalità della campagna promossa dal Fai e da Intesa San Paolo che va al di là del mero intervento strutturale sul bene oggetto di finanziamento, ma che intende sensibilizzare la cittadinanza alla presa in cura del luogo che, oltre ad essere un pezzo del nostro patrimonio artistico, è un pezzo importante del nostro patrimonio intimo, umano e biografico e che quindi è necessario mobilitarsi per farlo conoscere, tutelarlo e farlo tutelare».
È possibile votare in due modi diversi: la prima attraverso la compilazione del registro di raccolta firme presente nei due siti monumenti, Castello Murat e Chiesa di Piedigrotta, ma anche presso gli uffici comunali e molti altri punti commerciali e di informazioni turistiche della cittadina; la seconda connettendosi al link https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/i-luoghi-del-cuore/ , inserendo la parola chiave Piedigrotta e cliccare sul tasto vota con un link sul bene Chiesetta Madonna di Piedigrotta





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto