Crotone, Syndial lancia il progetto didattico “6 in ond@”

L’iniziativa coinvolgerà 200 alunni dell’Istituto comprensivo “Rosmini”. Il piano prevede la creazione di una web radio come “prodotto finale” di un laboratorio di media education

CROTONE «Syndial lancia a Crotone ‘6 in ond@’, un progetto di didattica sperimentale e innovativa che consentirà agli alunni dell’Istituto comprensivo ‘Antonio Rosmini’ di cimentarsi in una nuova modalità comunicativa che sfrutta le opportunità offerte dalle più recenti tecnologie del web». Lo riferisce un comunicato dell’azienda.
«L’iniziativa coinvolgerà dieci classi della scuola primaria (di III, IV e V elementare) – è detto nel comunicato – per un totale di circa 200 alunni. Il progetto prevede la creazione di una web radio come ‘prodotto finale’ di un laboratorio di media education. I file audio realizzati dagli alunni, in gergo tecnico podcast, verranno pubblicati assieme alle fotografie e ai video all’interno di un sito internet Eni dedicato al progetto che racconterà le prime sperimentazioni, i ‘dietro le quinte’ e le emozioni dei giovani comunicatori. L’obiettivo è creare una rete di scuole che condividano la scoperta dei territori e delle loro comunità, in un percorso di apprendimento che comprende lo sviluppo di competenze comunicative, espressive e relazionali degli alunni».
«Gli alunni si confronteranno – riporta ancora il comunicato – con tematiche legate alla mission di Syndial e quindi legate in primis all’ambiente, ma anche all’archeologia, realizzando, oltre alla web radio, anche una audio guida online di approfondimento del territorio. Syndial, società ambientale di Eni, sostiene le iniziative per la scuola con progetti orientati all’incontro e al dialogo. Le istituzioni locali e l’Istituto Comprensivo ‘Antonio Rosmini’ hanno favorevolmente accolto e promosso l’iniziativa che, oltre alla formazione in aula e a distanza di tutti i docenti coinvolti, garantirà anche la dotazione dell’attrezzatura tecnologica necessaria (ad esempio computer, tablet, cuffie, microfoni) per poter svolgere l’attività». In mattinata, in Prefettura, è stata firmata un’aggiunta al protocollo di legalità per la bonifica.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto