Dorme su una panchina per lavorare, il sindacato incontra l’azienda

Presso la sede cosentina di Ugl si è tenuto un incontro con i vertici della Lav Services «che si sono dichiarati partecipi dei problemi della dipendente»

COSENZA Ieri pomeriggio presso la sede cosentina dell’Ugl si è tenuto un incontro per discutere del caso della donna costretta a dormire su una panchina per poter conciliare i turni di lavoro alla sua condizione abitativa. La vicenda (di cui vi avevamo raccontato qui) ha visto protagonista la signora Grazia Tripargoletti, che ha dichiarato «di aver passato molte notti su una panchina, non avendo altre possibilità, in attesa di poter andare a lavorare alle 5 di mattina. E per questo avrebbe chiesto, e non ottenuto, un cambio di turno dalla sua azienda». L’Ugl, in una nota, riferisce che erano presenti all’incontro, «richiesto alla segreteria regionale Ugl e dalla Lav Services, per la ditta, i titolari, Luigi e Vincenzo Catanzariti, per l’Ugl, il segretario Ur Calabria Ornella Cuzzupi, il segretario Utl di Cosenza Guglielmo Nucci e la segreteria provinciale cosentina, al gran completo. Mancava invece la diretta interessata, assente per motivi personali».
L’incontro, continua la nota «è servito per un confronto, chiaro ed esplicativo, tra le parti, correlato da una corposa documentazione attestante contratti di lavoro, assegnazione di compiti e mansioni, dichiarazioni delle parti datoriali/dipendente, prodotta dai titolari della Lav – continua la nota – dichiaratisi disponibili a far chiarezza sulla vicenda al fine di “ristabilire equilibrio di valutazione e serenita” di giudizi rispetto ad uno scenario prospettato in maniera artatamente distorta dalla lavoratrice’, divulgato ampiamente dai canali di informazione».
Inoltre, continua Ugl: «Gli stessi si sono dichiarati partecipi dei problemi della dipendente, ma amareggiati per l’esposizione mediatica data alla vicenda che ha ingenerato fuorvianti considerazioni sulla loro condotta professionale. Preso atto – conclude la nota – delle argomentazioni rappresentate nel corso di una serena interlocuzione intercorsa, l’Ugl calabrese ha valutato di riunire, seduta stante, la segreteria provinciale, e alla presenza del segretario regionale, ha deliberato atti interni, nonchè di approfondire ulteriormente l’argomento, in attesa di vagliare scrupolosamente tutti gli atti messi a disposizione dall’azienda, per addivenire a una pronta e puntuale risoluzione del caso, preso in carica dai massimi vertici della Confederazione cosentina e regionale».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto