Libera ricorda i due netturbini uccisi a Lamezia

CATANZARO Libera Catanzaro organizza il Premio “Francesco Tramonte”, riservato agli studenti calabresi che abbiano redatto una tesi di laurea sul tema della legalità e del contrasto alla criminalità organizzata.Con questo…

CATANZARO Libera Catanzaro organizza il Premio “Francesco Tramonte”, riservato agli studenti calabresi che abbiano redatto una tesi di laurea sul tema della legalità e del contrasto alla criminalità organizzata.
Con questo premio Libera ha inteso omaggiare la memoria di uno dei due netturbini di Lamezia Terme barbaramente e incolpevolmente uccisi il 24 maggio del 1991 mentre svolgevano il loro turno di lavoro.
Il prossimo anno Libera Catanzaro completerà il proprio ricordo con il premio dedicato a Pasquale Cristiano e riservato alle scuole medie. La commissione presieduta da Simona Dalla Chiesa, e composta anche da Vittorio Mete e da Maurizio Serio, ha esaminato i numerosi elaborati pervenuti, decidendo di assegnare il premio di mille euro a Michela Mancini per il suo lavoro dal titolo “Cose di famiglia: figli ostaggi della ‘ndrangheta”. Michela Mancini si è laureata nella Facoltà di Lettere dell’Università La Sapienza di Roma.
La commissione ha voluto anche attribuire una menzione speciale per la tesi di Licenza in Teologia Morale e Sociale, conseguita presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale-Istituto Pio X di Catanzaro, presentata da Anna Vetere, dal titolo “Identità ed ethos calabrese. Un nuovo punto di partenza per il riscatto spirituale, economico e sociale della nostra terra”.
Alla cerimonia di premiazione, che si svolgerà il 13 giugno nel Comune di Catanzaro, interverranno, tra gli altri, il prefetto Raffaele Cannizzaro; il presidente di Libera Calabria, Mimmo Nasone, e i familiari di Francesco Tramonte.
Al termine della cerimonia il ricordo di Francesco Tramonte sarà affidato al talento artistico di Dario Natale. (0020)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto