L’Esercito e l’Avis insieme per delle giornate di donazione

I militari e i volontari dell’associazione che si occupa della raccolta del sangue hanno realizzato una serie di appuntamenti per poter sensibilizzare i cittadini alla donazione

COSENZA  L’Esercito Italiano e l’Avis regionale, hanno organizzato delle giornate di donazione sangue sul territorio calabrese. «L’evento – spiega una nota del Comando militare Esercito Calabria – reso possibile grazie all’intesa sancita tra Avis Calabria ed Esercito ha avuto lo scopo di avvicinare la cittadinanza all’Esercito e all’Avis: due realtà che indistintamente si prodigano per il prossimo. Avis regionale, che è presente in Calabria con 155 sedi dislocate capillarmente sull’intero territorio regionale, ha promosso nei giorni scorsi una campagna d’informazione per i donatori affinchè si rafforzi sempre lo spirito di solidarietà verso il prossimo, questo è stato possibile anche grazie alla sensibilità del Colonnello Russo Comandante del Raggruppamento Calabria e del Ten. Colonnello Rotunno Comandante Gruppo Tattico, su base 24 reggimento artiglieria terrestre “Peloritani” della Brigata Aosta, supportati dal personale del 1 reggimento bersaglieri di Cosenza della Brigata Garibaldi, mettendo in campo iniziative su tutte le province calabresi per promuovere la donazione di sangue non solo per i militari ma per l’intera collettività calabrese» A conclusione del ricco programma di donazioni, il prossimo 5 agosto, alle ore 10,30, nella sede dell’Avis comunale di Locri, il Presidente Avis regionale Calabria Rocco Chiriano e la Presidente della comunale locrese Marina Leone, incontreranno gli organi di stampa per illustrare le varie iniziative di sensibilizzazione per diffondere e promuovere la cultura della donazione, coinvolgendo le scuole del territorio, le istituzioni, gli enti e le forze dell’ordine. «In tale contesto – si legge infine – i volontari avisini, ringrazieranno il personale militare del Raggruppamento Calabria impiegato per l’esigenza Strade Sicure, che ha donato con una grande partecipazione, evidenziando il connubio esistente tra il servizio prestato e il concetto di solidarietà».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto