Cammino di Sant’Antonio, la Calabria regione capofila del Meridione

Nel 2021 saranno ripercorsi i passi del Santo in Calabria, la regione più lunga da attraversare

CATANZARO «11 settembre 2019 una data storica per la Calabria che diventava regione capofila del Sud con l’inaugurazione del tratto meridionale del Cammino di Sant’Antonio, progetto voluto dai frati della Basilica del Santo di Padova e dall’associazione “Il Cammino di Sant’Antonio” che vuole far rivivere il percorso compiuto da Antonio nel 1221 risalendo da Capo Milazzo ad Assisi». Così, in una nota, Antonio Modaffari, referente regionale dell’Associazione “Il Cammino di Sant’Antonio”.
«L’agiografia antoniana – prosegue Modafferi – cita due luoghi da cui il Santo è passato con certezza: Pizzo e San Marco Argentano. Ma cosa significa far rivivere questo progetto? Significa innanzitutto rinsaldare quella devozione antoniana che è fortissima in tutta la nostra regione, significa promuovere un cammino che sarà, una volta realizzato, uno dei più lunghi d’Europa, significa richiamare la straordinaria figura di Sant’Antonio trattando tematiche quanto mai attuali per la nostra società come quelle dell’accoglienza e della legalità».
«Nel 2021 – continua – andremo a rivivere quella meravigliosa avventura di 800 anni fa sui passi di Antonio. Il percorso calabrese è sostanzialmente definito, un risultato non scontato (la nostra regione è infatti la più lunga da attraversare) arrivato grazie a un grande lavoro sinergico tra cittadini, associazioni, comuni e Regione che con le loro delibere hanno sancito un’unione nel nome del Santo. Un risultato arrivato perché si è lavorato senza personalismi, solo con il cuore nonostante le oggettive difficoltà legate alla diffusione del Coronavirus. Ed è così – conclude Modaffari – che spero si possa continuare».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto