Tante le richieste per i ‘Punti Ascolto Demenza’. «C’è molto lavoro da fare»

I pazienti e i loro familiari hanno iniziato gli incontri di supporto, formazione e informazione nei centri operativi da un paio di mesi a Botricello, Chiaravalle, Pianopoli, Tiriolo e Soverato. «L’Alzheimer è una malattia che può essere meglio gestita solo se viene compresa»

CATANZARO «Non si ferma il lavoro degli operatori che sono impegnati nei ‘Punti Ascolto Demenza’ nei Comuni di Botricello, Chiaravalle, Pianopoli, Tiriolo e Soverato», fanno sapere in una nota le organizzazioni fondatrici. «I centri sono stati attivati lo scorso mese di novembre grazie al progetto “Ci Vediamo al Caffè” coordinato dall’associazione RaGi, dalla Cooperativa Coriss e da PerLe demenze Famiglie Unite Calabria. Dopo un primo lavoro di sensibilizzazione territoriale portato avanti dall’equipe formata da educatori e oss, le famiglie e le persone con demenze hanno iniziato gli incontri di supporto, formazione e informazione con le psicologhe. Via Marconi 32 a Pianopoli è divenuto un punto di incontro fermo per le famiglie. Ad un mese della sua apertura non possiamo che ritenerci soddisfatti del lavoro svolto anche se non era affatto scontato – afferma Maurizio Leuzzi educatore dell’equipe formata dagli oss Diego Arone e Ida Pagliuso e dalla psicologa Amanda Gigliotti -. Numerose sono state ad oggi le richieste pervenute da parte delle famiglie, persone completamente sole che si trovano a fronteggiare quotidianamente tutti gli ostacoli e le conseguenze che una demenza può comportare. Ma il lavoro da fare è ancora tanto. Perché ciò che occorre scardinare principalmente è l’erronea cultura di considerare la malattia di Alzheimer un creatura orribile da combattere da soli o soltanto con l’utilizzo dei farmaci. Mentre invece si tratta di una malattia, come tante altre malattie, che può essere meglio gestita se solo viene compresa, conosciuta e principalmente se il carico assistenziale viene diviso e condiviso con persone che lavorano e sono formate per rendere più serena e felice la qualità di vita delle persona affetta da Alzheimer o altre forme di demenza.
Suggerimenti pratici, strategie da adottare, aiuti, consigli, ascolto, sorrisi per far percepire alle famiglie presenza, calore umano e comprensione: questo è l’obiettivo degli incontri che avvengono nei Punti Ascolto Demenza in maniera cadenzata con una serie di obiettivi da raggiungere e creando in questo modo alleanza e continuità nel lavoro con i familiari. A breve inizieremo una serie di attività sul territorio- conclude Leuzzi- organizzeremo giornate di promozione nel comune di Pianopoli e comuni limitrofi, volte non solo a far conoscere sempre più il nostro servizio, ma soprattutto a far capire alle famiglie e ai cittadini tutti che noi ci siamo, siamo disponibili all’accoglienza e all’ascolto e a correggere i luoghi comuni che circolano intorno a questa malattia».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto