Affetta da Sla, diventa “assessore” a Rende

RENDE Nadia non ha mai avuto una febbre, mai. Fino a quel giorno, nessun tipo di problemi di salute, poi d’un tratto la malattia. Una malattia che la costringe a star…

RENDE Nadia non ha mai avuto una febbre, mai. Fino a quel giorno, nessun tipo di problemi di salute, poi d’un tratto la malattia. Una malattia che la costringe a star nel suo letto da più di dieci anni. Quella malattia ha un nome, un nome breve, ma purtroppo già conosciuto da molti. Nadia è affetta da Sla. Fisicamente immobile, ma con quegli occhi è una vera e propria forza della natura. Il rumore delle parole che escono dal pc, è un rumore che sa di entusiasmo, di curiosità, un gran rumore di vita. La sua vivacità mentale, il suo sorriso, sono disarmanti e i “volontari silenti” che assistono, quotidianamente, la giovane donna di 52 anni, ricevono, dalla stessa, quell’energia vitale che difficilmente qualcun altro ti può dare. A Nadia è rimasto solo un fratello, da anni  è  senza genitori, ma la sua casa è sul mondo, non vuole andar via dalla sua casa ed è per questo che l’esercito dei volontari silenti si è organizzato con i turni, ma ci vorrebbero tanti altri volontari, perché, il lavoro quotidiano, è tanto ed è un lavoro che va fatto con amore. Però oggi per Nadia è festa. E ordina l’arrivo del prosecco per tutti a conclusione di una breve cerimonia ufficiale per una designazione di un incarico comunale. Il comune è quello di Rende ed è lo stesso sindaco della città Marcello Manna, circondato dai suoi assessori, Antonio Crusco, Pia Santelli e Francesco D’Ippolito e dall’ex presidente del consiglio comunale Annamaria Artese a comunicare il tutto: «Con deliberazione della giunta comunale numero 200 del 14 novembre 2016 è stato conferito l’incarico a titolo gratuito di collaborazione per le tematiche sulle disabilità alla signora Nadia Mondera, per la durata di due anni, rinnovabili ai sensi di legge, a decorrere dalla data di sottoscrizione». 
Presenti pure il segretario comunale Michele Lizzano e la dirigente Isa Napoli. E sono applausi. Ora tutto è ufficiale. Nadia è una nuova collaboratrice del Comune di Rende. Gli occhi di Nadia sorridono e dettano parole, tante parole di responsabilità, lei vuole essere fin da subito operativa: «Sono molto felice per questo incarico. Mi batterò per la tutela e per la difesa dei disabili».
L’idea del sindaco di Rende di conferire l’incarico sulla disabilità è un’idea che parte da lontano, anche perché, l’avvocato Marcello Manna con Nadia parla da oltre due anni. In pratica da quando si è insediato. È stata proprio la stessa Nadia Mondera a voler conoscere il sindaco dopo la campagna elettorale. Da quel giorno tante sono state le visite del sindaco e le chiacchierate fin quando si è arrivato a questa idea da parte di un primo cittadino che confessa: «In questi giorni si parla solo del toto assessore, ma oggi questo per me è l’incarico più importante che ho dato. Sono convinto che con Nadia faremo grandi cose. Lei  è una donna determinata, brillante, una donna che può rappresentare ,a pieno titolo, il mondo della disabilità nella nostra area urbana. Con Nadia Mondera voglio fare una vera e propria proposta di legge regionale anche per aiutare le altre comunità a spendere bene e meglio i finanziamenti che man mano arrivano proprio sul tema della disabilità». Alla foto di gruppo Nadia scherza: «Facciamo la foto anche se non sono un bel vedere». Lo scambio di auguri e la promessa di una prima riunione, ubito dopo la pausa natalizia, per poter gettar le basi su un percorso da fare insieme.  







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto