Ultimo aggiornamento alle 15:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Berlusconi "promuove" i calabresi Misiti e Galati

Il governo Berlusconi si salva alla Camera e i deputati calabresi della maggioranza possono brindare due volte. Non solo perché non ci sarà nessun voto anticipato ma anche perché Aurelio Misiti e P…

Pubblicato il: 14/10/2011 – 19:08
Berlusconi "promuove" i calabresi Misiti e Galati

Il governo Berlusconi si salva alla Camera e i deputati calabresi della maggioranza possono brindare due volte. Non solo perché non ci sarà nessun voto anticipato ma anche perché Aurelio Misiti e Pino Galati incassano due promozioni al termine del Consiglio dei ministri riunitosi questo pomeriggio. In agenda il rendiconto 2010, dopo la bocciatura dell’articolo 1 ieri alla Camera, e il ddl stabilità, in merito al quale il Cavaliere, poco dopo il voto a Montecitorio aveva dichiarato: «Abbiamo di fronte tagli dolorosi per i ministeri, ciascuno cercherà di ridurre i suoi. Mi auguro, anzi sono sicuro che arriveremo a delle decisioni di buon senso, che saranno accolte da tutti». Di tagli alla casta nemmeno l`ombra: e infatti al termine della riunione di governo, arriva la nomina di due nuovi viceministri, Catia Polidori (Sviluppo economico) e Aurelio Misiti (Infrastrutture), e due sottosegretari, Pino Galati all’Istruzione e Guido Viceconte, l’unico che già ricopriva una carica ministeriale, proprio a viale Trastevere, ora trasferito all’Interno.
Misiti, eletto alla Camera con l’Italia dei valori nel 2008, due anni dopo è passato al Movimento per le Autonomie, di cui è stato nominato anche portavoce nazionale. Ma nel febbraio 2011, contravvenendo alla linea dettata dal suo stesso partito, ha votato contro l’autorizzazione alla perquisizione negli uffici del ragioniere del Cavaliere, Giuseppe Spinelli, richiesta dalla Procura di Milano alla ricerca di documenti sui passaggi di denaro tra il premier e le ragazze ospiti nelle sue ville. Di fronte alle accuse dell’opposizione, Misiti difende il presidente del Consiglio: «Berlusconi ha retto questa legislatura, che è stata la più difficile a causa della crisi internazionale. Adesso – aggiunge – di fronte agli attacchi cui è sottoposto, si può anche essere stancato. Per questo propongo di mettere sulle spalle di Letta più responsabilità in questa ultima fase della legislatura: Berlusconi resti premier e faccia Letta vicepresidente del Consiglio dei ministri».
Per Galati si tratta di un ritorno nella compagine di Palazzo Chigi, avendo già ricoperto l`incarico di sottosegretario alle Attività produttive nei governi Berlusconi II e III. La nomina arriva dopo mesi e mesi di attesa. Nessuno ha dimenticato la promessa (fino ad oggi disattesa) fattagli a Crotone direttamente da Berlusconi in occasione delle ultime amministrative. Si troverà a lavorare gomito a gomito con il ministro Gelmini ma soprattutto con Giuseppe Pizza, come lui democristiano doc, e suo amico di vecchia data. Non avrà sul groppone rogne giudiziarie: recentemente sono state archiviate le accuse formulate nei suoi confronti nell`ambito dell`inchiesta “Energopoli” condotta dalla Procura di Crotone.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x