Ultimo aggiornamento alle 14:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Azzerare la Sorical»

«Per la Sorical serve un colpo di spugna». È quanto sostiene Legambiente Calabria che chiede l`istituzione di una commissione d`inchiesta del consiglio regionale. «Secondo i recenti rilievi della C…

Pubblicato il: 27/03/2012 – 13:36
«Azzerare la Sorical»

«Per la Sorical serve un colpo di spugna». È quanto sostiene Legambiente Calabria che chiede l`istituzione di una commissione d`inchiesta del consiglio regionale. «Secondo i recenti rilievi della Corte dei Conti (dicembre 2011), i calabresi – scrive l`associazione ambientalista – hanno pagato per anni una tariffa gonfiata per un servizio carente. Per di più, la diminuzione della quota destinata ai Comuni per la manutenzione degli impianti ha di fatto comportato il degrado delle infrastrutture, un danno per le casse degli enti locali e il generale peggioramento del servizio. Per anni alla Sorical si sono fatti profitti, anche grazie a quella sorta di “extraterritorialità” a cui fanno riferimento i magistrati contabili, e cioè il mancato coinvolgimento diretto dei Comuni nella gestione. Non è finita: le cifre che sarebbero dovute servire per finanziare l`ammodernamento degli impianti non sono state impiegate a tal fine, senza alcun controllo da parte delle istituzioni calabresi». «Per tutto ciò – sostiene Francesco Falcone, presidente di Legambiente Calabria – non sono più rinviabili una legge regionale unitaria e organica, la revisione degli impianti e un sistema efficace di controlli, come sottolineato dalla Corte dei Conti. Un obiettivo da raggiungere anche attraverso l`istituzione di una commissione d`inchiesta regionale». «Una verifica a trecentosessanta gradi – afferma Legambiente – che si rende necessaria per riconquistare la fiducia dei cittadini, gravemente compromessa dalle recenti vicende giudiziarie: l`inchiesta Ceralacca della Dda di Reggio Calabria ha svelato le manovre sotterranee per mettere le mani sulla Sorical da parte di una cordata di imprenditori della Piana di Gioia Tauro che sarebbero legati alla `ndrangheta. Di fronte al ciclone, il presidente della Sorical Sergio Abramo ha annunciato le proprie dimissioni, anche in vista della candidatura a sindaco della città di Catanzaro. E il socio privato, la controversa Veolia, ha manifestato l`intenzione di lasciare la Calabria: un`ingloriosa fuga dopo una gestione fallimentare. La Sorical fa acqua da tutte le parti e, sembra ormai abito comune nel Paese e in particolare in Calabria, tutti abbandonano la nave che affonda».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb