Ultimo aggiornamento alle 20:26
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

MALTEMPO | «Abramo, primo cittadino per caso»

CATANZARO Per la seconda volta in pochi giorni salta la seduta del consiglio comunale. La maggioranza di centrodestra ha presentato un`istanza per chiedere la sospensione dell`assemblea proprio all…

Pubblicato il: 25/11/2013 – 18:42
MALTEMPO | «Abramo, primo cittadino per caso»

CATANZARO Per la seconda volta in pochi giorni salta la seduta del consiglio comunale. La maggioranza di centrodestra ha presentato un`istanza per chiedere la sospensione dell`assemblea proprio alla luce dell`emergenza maltempo e dell`emergenza idrica. Nel documento si fa riferimento agli impegni del sindaco occupato in riunioni operative e quindi impossibilitato a relazionare sulla delibera relativa alle società partecipate. Mentre i consiglieri del centrodestra abbandonano l`aula, il centrosinistra occupa simbolicamente il consiglio per discutere con cittadini e stampa. Duro il giudizio espresso dagli esponenti della minoranza (Roberto Rizza, Roberto Guerriero, Franco Passafaro, Antonio Giglio, Vincenzo Capellupo e Domenico Iaconantonio) sul comportamento dell`amministrazione in questi giorni di emergenza arrivando a chiedere le dimissioni del sindaco Abramo. È Guerriero il primo a prendere la parola: «Il sindaco ha preferito andare in televisione a difendersi, invece di spiegare all`aula, e quindi ai catanzaresi, quello che è successo in questi giorni. In questo modo ha delegittimato anche il consiglio comunale che è stato tagliato fuori da ogni assunzione di responsabilità».
Primo cittadino per caso, cosi Antonio Giglio di Sel definisce Abramo ricordando il momento in cui il sindaco «incontrando i cittadini esasperati nei quartieri rimprovera loro di non essere stato informato del pericolo incombente, Abramo cosi dimostra di non conoscere il territorio». Il consigliere di Italia dei valori Iaconantonio chiede che «il prefetto assuma su di sé la gestione dell`emergenza perchè questa amministrazione è inadeguata». Il centrista Rizza, invece, sottolinea la «visione miope della giunta Abramo che invece di destinare i soldi alla salvaguardia del territorio solo negli ultimi mesi ha speso 100mila euro in consulenze legali, 80mila euro per l`affitto delle luminarie per non parlare dei fondi concessi a feste e manifestazioni». Per l`esponente del Pd Capellupo Abramo deve dare risposte altrimenti è necessario che si dimetta. La richiesta del consigliere comunale è che «i 516mila euro risparmiati dall`appalto della differenziata si utilizzino subito per dare risposte a chi ha subìto danni dal maltempo. Sarebbe espressione di un po` di buon senso che a questa amministrazione manca». Ma i problemi della giunta Abramo non sarebbero legati solo all`emergenza di questi giorni. Secondo Franco Passafaro «lo slittamento del consiglio è stato usato perché la delibera sulle società partecipate non era pronta, anche se i termini per la discussione dei bilanci scadevano il 15 novembre. Insomma, con la scusa dell`acqua non hanno voluto affrontare un problema che è un altro dramma».

I LAVORI
I tecnici della Sorical hanno iniziato la saldatura della condotta dell`acquedotto comunale. Secondo quanto si apprende entro un`ora dovrebbe essere riaperta l`erogazione dell`acqua. Nel frattempo le autobotti sono tornate nelle piazze e nelle strade di Catanzaro. Se non vi saranno altri incidenti entro questa notte la situazione dovrebbe rientrare nella normalità. (0020)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x