Ultimo aggiornamento alle 15:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Avrebbe agevolato la cosca Lanzino, indagato l'assessore Trematerra

COSENZA L’assessore all’Agricoltura della Regione Calabria Michele Trematerra è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Catanza…

Pubblicato il: 09/06/2014 – 22:00
Avrebbe agevolato la cosca Lanzino, indagato l'assessore Trematerra

COSENZA L’assessore all’Agricoltura della Regione Calabria Michele Trematerra è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Catanzaro che stamani ha portato all’esecuzione di numerose perquisizioni. Quindici gli indagati, tra i quali l’ex sindaco e un ex consigliere del Comune di Acri. Nei confronti degli indagati vengono ipotizzati, a vario titolo, i reati di associazione

mafiosa e di concorso esterno per avere agevolato la cosca Lanzino di Cosenza, nella sua articolazione territoriale di Acri guidata da Giuseppe Perri. L’inchiesta riguarda presunte irregolarità nell’affidamento di appalti pubblici da parte della precedente amministrazione
del Comune di Acri, guidata all’epoca dal sindaco Luigi Maiorano, che è indagato per concorso esterno. Appalti che riguardavano attività di competenza dell’assessorato regionale all’Agricoltura quali lo spalamento della neve e la più ampia attività di disboscamento e la successiva vendita del materiale legnoso. Tra gli indagati figura anche l’ex consigliere comunale di Acri Angelo Gencarelli, che era componente della segreteria di Trematerra. Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero condizionato enti pubblici quali la Regione e il Comune «avvalendosi dell’apporto di figure istituzionali quali l’assessore al ramo Michele Trematerra e l’ex sindaco Luigi Maiorano».

Michele Trematerra, l’assessore regionale della Calabria, dell’Udc, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, è accusato di avere posto in essere una serie di «condotte materiali e procedimentali amministrative a favore dell’associazione mafiosa dei Lanzino e in particolare a favore degli imprenditori facenti parte della cosca e delle rispettive società», oltre che a favore dell’ex consigliere comunale Angelo Gencarelli. La Dda contesta fatti avvenuti nel periodo tra il 2010 e il 2013.

 

PERQUISITI GLI UFFICI DELLA REGIONE

Perquisizioni dei carabinieri del Comando provinciale di Cosenza sono state fatte, oltre che nell’abitazione dell’assessore regionale Michele Trematerra, dell’Udc, anche nel suo ufficio alla Regione e negli uffici del dipartimento Agricoltura dello stesso ente in uso a Trematerra e a Angelo Gencarelli, componente della segreteria dell’assessore ed ex consigliere comunale ad Acri. Altre perquisizioni sono state fatte dai carabinieri, in esecuzione di un decreto emesso dal pm della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni, nelle abitazioni e in alcune società i cui titolari, secondo l’accusa, sarebbero stati legati alla cosca retta da Giuseppe Perri e avrebbero ottenuto illegalmente appalti nel settore del disboscamento e della vendita di legname. (0050)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb