Ultimo aggiornamento alle 7:32
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Don Panizza: «La processione non è una passeggiata con una statua»

OPPIDO MAMERTINA (RC) «La processione non è una passeggiata con una statua». È quanto ha detto all’Ansa don Giacomo Panizza, vittima di numerose intimidazioni da parte della ‘ndrangheta, sulla vice…

Pubblicato il: 08/07/2014 – 9:31
Don Panizza: «La processione non è una passeggiata con una statua»

OPPIDO MAMERTINA (RC) «La processione non è una passeggiata con una statua». È quanto ha detto all’Ansa don Giacomo Panizza, vittima di numerose intimidazioni da parte della ‘ndrangheta, sulla vicenda di Oppido Mamertina.
«Bisogna interpretare, invece, le processioni – ha aggiunto – come un momento per parlare del Vangelo. Mi meraviglio che accadano episodi come quello di Oppido Mamertina perché in questi anni molte cose sono cambiate. I sacerdoti spiegano ai comitati delle feste come muoversi e le tappe e i contenuti del Vangelo. Il parroco deve intervenire su cose di dubbia interpretazione per dire la sua e non può accettare passivamente quello che accade».
«Devo dire anche che in questi anni – ha continuato don Panizza – molte cose sono cambiate e la gran parte delle processioni non sono più come quelle di una volta. La vicenda della processione di Oppido Mamertina è sicuramente una reazione alle parole del Papa che ha scomunicato i mafiosi».
«Non credo – ha concluso – o meglio non ho elementi per affermare che esiste una regia nazionale. Ma è pur vero che per le parole forti del Santo Padre qualcuno si arrabbia e risponde in questo modo. In generale c’è sempre qualche “imbecille” che esegue le direttive del “capo”».

 

Il blocco dei dollari sulla statua
Alla fine degli anni ’80, don Giacomo Panizza compì a Lamezia Terme un gesto che spezzò il rapporto tra sacro e profano. Don Giacomo trovò un emigrato in America mentre stava attaccando dei dollari alla statua di un Santo prima di una processione. «Mentre mi stavo preparando – racconta don Giacomo – per i festeggiamenti in una piccola frazione notai un signore che si era avvicinato alla statua del Santo e stava attaccando dei dollari. Mi resi subito conto che si trattava di un emigrato che era rientrato in Calabria. Con molto garbo gli spiegai che il
gesto non andava fatto».
Don Giacomo Panizza, parroco di frontiera e anima della comunità Progetto Sud di Lamezia Terme, più volte è finito nel mirino delle cosche per il suo impegno religioso e sociale in favore della legalità.
«All’inizio l’emigrato – ha concluso don Giacomo – ci rimase un pochino male. Con le mie parole gli feci capire che non era una forma di offesa nel suo gesto ma che era necessario evitare che si mischiasse il sacro con il profano e quindi, nella fattispecie, i dollari con il Santo. Purtroppo accade che molti emigrati vorrebbero rifare le cose come si facevano 50 anni fa, ma i sacerdoti devono avere la faccia tosta di dirgli che oggi tutto è cambiato».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x