Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Monsignor Oliva porta a Reggio il monito di Papa Francesco

REGGIO CALABRIA Il vescovo di Locri, monsignor Francesco Oliva, ha pronunciato nella Cattedrale di Gerace la tradizionale messa in occasione dell’inizio del periodo di Avvento. «Affido a Maria tutt…

Pubblicato il: 29/11/2014 – 17:43
Monsignor Oliva porta a Reggio il monito di Papa Francesco

REGGIO CALABRIA Il vescovo di Locri, monsignor Francesco Oliva, ha pronunciato nella Cattedrale di Gerace la tradizionale messa in occasione dell’inizio del periodo di Avvento. «Affido a Maria tutte le sofferenze degli imprenditori che chiudono la loro attività dietro i colpi di una crisi che non dà scampo», ha detto il presule. «Maria Immacolata – ha aggiunto – venga incontro a quanti per la loro situazione debitoria sono sull’orlo del fallimento, facili a cadere nella tentazione di ricorrere agli usurai. Una cosa è certa: meglio fallire che finire in preda agli usurai, perdendo la pace, la dignità e la famiglia. Ma a nessuno venga meno la speranza: nel buio della notte c’è sempre un barlume di luce all’orizzonte».
«Che bello sarà quel giorno, quando anche nella nostra terra le armi taceranno per sempre e saranno trasformate in strumenti di pace e di lavoro. Che bello – ha aggiunto – quel giorno, quando sulle strade, anche della Locride, non sarà più versato del sangue, quando scompariranno definitivamente le armi dell’odio, delle divisioni, dei particolarismi, e non si consumeranno più vendette mafiose. Ci sia consentito sognare questo per amore della nostra terra. Come anche sperare in una ripresa economica che porti lavoro e serenità a tante famiglie. L’amarezza più grave in questi primi mesi l’ho provata quando non sono stato in grado di rispondere alle richieste di aiuto. Quando – ha detto ancora il vescovo di Locri – ci lasciamo interrogare dai drammi che si presentano nel corso del ministero, ci rendiamo conto che l’azione pastorale della nostra Chiesa deve partire dalle periferie esistenziali, da quelle realtà fragili e toccate, che più risentono della congiuntura economica e dell’abbandono sociale». Oliva si è poi soffermato sull’importanza di stare vicino ai poveri, a chi attraversa situazioni di disagio e ai malati, e ha guardato all’importanza che riveste, in questo ambito, la vicinanza al culto Mariano: «Iniziamo con questa celebrazione diocesana il novenario dell’Immacolata, affidandole questo nuovo anno liturgico-pastorale. Lo facciamo – ha detto – consapevoli che la devozione a Maria costituisce una significativa forza di coesione spirituale, che ci sostiene. È un segno di speranza avere in diocesi tantissimi santuari e chiese dedicate a Maria, e soprattutto poter contare su una grandissima devozione a Maria che caratterizza la nostra Chiesa come comunità Mariana. Sotto il suo manto – ha affermato ancora il presule – poniamo gli ammalati e i poveri, i ragazzi, i giovani, le famiglie, particolarmente quelle più provate dalle ristrettezze economiche, dalla mancanza o perdita del lavoro, quelle che vivono il disagio di una relazione vacillante. Vivere la prossimità come stile pastorale – ha aggiunto – deve accompagnare il cammino della nostra chiesa. Come Chiesa particolare, anche col supporto della Caritas diocesana, ora finalmente dotata di una sede e di una bella struttura di accoglienza con l’apertura di una mensa dei poveri, ci chiediamo: come possiamo metterci in ascolto dei bisogni degli ultimi? Come possiamo rispondere alle nuove emergenze e renderci attivi tessitori di una rete di solidarietà che risvegli dal torpore e ridia slancio alla generosità di quanti godono di maggiori risorse?», si è domandato Oliva.
«Permettetemi – ha detto ancora – di rinnovare a questo punto l’invito a lasciarci accompagnare dall’esortazione apostolica “Evangelii gaudium”. In essa ritroviamo le linee che devono ispirare la nostra azione pastorale. Un punto di partenza ci è indicato da papa Francesco, quando sottolinea che “nel cuore di Dio c’è un posto preferenziale per i poveri, e il nostro impegno pastorale non puo’ che essere “segnato dai poveri”».
«In concreto – ha detto ancora il presule lanciando un messaggio forte – le nostre scelte devono lasciarsi interpellare dai poveri. Liberiamoci dal pregiudizio che la povertà sia una fatalità. Facciamone una scelta di Chiesa, un valore e una via che portano ad “andare incontro al Signore”. Saprà la nostra Chiesa diocesana essere “chiesa povera per i poveri”? Non perdiamo questa speranza. Non occorrono grandi programmi di promozione e assistenza o un eccesso di attivismo, quanto una conversione interiore che si ispiri ad uno stile di sobrietà e di prossimità. È questo che chiediamo a Maria. Prepariamoci a vivere un Natale di tenerezza. L’Avvento ci riapre la porta del cielo. Dio viene incontro – conclude – e non delude le nostre attese».  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x