Ultimo aggiornamento alle 21:50
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Anci, Drosi: sbloccare i lavori della diga del Melito

“Qualche tempo fa il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha rivolto l’invito a segnalare un’opera incompiuta, magari bloccata dai vari lacci e lacciuoli della burocrazia che spesso e volentieri…

Pubblicato il: 27/01/2015 – 16:31
Anci, Drosi: sbloccare i lavori della diga del Melito

“Qualche tempo fa il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha rivolto l’invito a segnalare un’opera incompiuta, magari bloccata dai vari lacci e lacciuoli della burocrazia che spesso e volentieri si mettono di traverso e bloccano inesorabilmente i cantieri e mortificano la determinazione di chi vuole fare.
Ben cinquantuno sindaci, assieme al presidente del Consorzio di bonifica “Jonio Catanzarese” Grazioso Manno, abbiamo colto al volo questa opportunità e abbiamo sottoposto all’attenzione del premier Renzi la vicenda della “Diga nel fiume Melito”, un’opera che, se realizzata, risolverebbe tutti i problemi legati al fabbisogno dell’acqua potabile per le città di Catanzaro e Lamezia Terme e per i tanti comuni che gravitano in quel circondario e quelli, altrettanto importanti, dell’irrigazione per un’ampia area di quei territori”. Lo afferma, in una nota, Michele Drosi, sindaco di Satriano e coordinatore Anci Piccoli Comuni. “L’opera – aggiunge -, inoltre, costituirebbe un’eccezionale risorsa ai fini della produzione di energia elettrica per poter far fronte al reale fabbisogno energetico dell’intera regione. Ecco perché è di fondamentale importanza sbloccare i lavori di questo cantiere ormai fermo da diversi anni. Mi permetto di chiederlo con forza al Governo centrale che deve dare prova di saper passare dalle parole ai fatti e intervenire concretamente, mettendo a disposizione le risorse necessarie, per la realizzazione di un progetto che, attraverso le opere di adduzione e derivazione dei fiumi, la costruzione della centrale idroelettrica e delle opere di derivazione a valle dei fabbisogni potabili, irrigui e industriali, garantirebbe sviluppo, innovazione e quella tanto invocata occupazione di cui abbiamo urgente e grande bisogno. Insomma, l’utilità socio-economica è fuori discussione soprattutto in una fase nella quale dobbiamo fare i conti con una crisi senza precedenti e quindi, non c’è alcun dubbio, che un investimento così significativo costituirebbe anche un efficace antidoto alla difficile e grave congiuntura.
Per tutte queste ragioni ritengo opportuno e urgente chiedere al nuovo presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, che è già al lavoro alacremente per affrontare al meglio le varie emergenze e tutte le altre questioni che sono sul tavolo delle cose da fare, la convocazione di un incontro con tutti i soggetti e gli interlocutori che hanno titolo a discutere di questa importante problematica della “Diga sul Melito” per concordare tutte quelle azioni necessarie per avviare la ripresa dei lavori nell’interesse di tutti i calabresi”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x