Ultimo aggiornamento alle 7:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Scalzo fa il suo esordio in Europa: «La Calabria deve ridurre il gap»

REGGIO CALABRIA Il presidente del consiglio regionale, Tonino Scalzo, ha partecipato a Bruxelles alla sessione inaugurale plenaria del nuovo Comitato delle Regioni che si è appena insediato per il …

Pubblicato il: 14/02/2015 – 14:18
Scalzo fa il suo esordio in Europa: «La Calabria deve ridurre il gap»

REGGIO CALABRIA Il presidente del consiglio regionale, Tonino Scalzo, ha partecipato a Bruxelles alla sessione inaugurale plenaria del nuovo Comitato delle Regioni che si è appena insediato per il quinquennio 2015-2020 (sesto mandato). L’organismo, composto dai rappresentanti degli enti locali e regionali dei 28 Paesi dell’Unione europea, è la sede istituzionale deputata a esprimere le istanze provenienti dalle comunità locali, sulle cui attività normative e amministrative incide oltre il 75% di direttive e regolamenti comunitari.

«Il rappresentante di Palazzo Campanella – è scritto in una nota – è uno dei nuovi membri dell’organismo designati dalla Conferenza dei presidenti delle assemblee regionali. Nella qualità di componente della delegazione italiana, Scalzo ha preso parte all’elezione dell’ufficio di presidenza del Comitato che sarà guidato dal finlandese Markku Markkula.

La tre giorni di intensa attività politico-istituzionale è proseguita con l’intervento dinanzi al Comitato del vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, nonché con il voto su numerosi pareri. Il presidente Scalzo ha altresì partecipato alla seduta di insediamento della commissione Enve (Ambiente, cambiamenti climatici ed energia) di cui è componente».

«Siamo soddisfatti – ha affermato Scalzo – della concretezza del lavoro svolto in questi giorni dal Comitato. L’insediamento degli organismi era il passaggio propedeutico all’avvio di un’attività istituzionale indispensabile per ridurre le distanze tra le comunità locali e l’Unione europea. Spesso i provvedimenti approvati dalla Commissione sono immediatamente applicabili ad alcune aree del vastissimo territorio dei nostri 28 Stati ma non ad altre, per le profonde differenze esistenti tra le realtà locali sul piano ordinamentale, sociale, culturale ed economico. La Conferenza delle Regioni dovrà svolgere un delicato ruolo di “camera di compensazione” per arrivare a una sintesi degli interessi delle diverse comunità».

«Solo in questo modo – ha concluso il presidente dell’assemblea legislativa calabrese – potremo effettivamente ridurre il gap tra le aree come il Mezzogiorno d’Italia e quelle più evolute del Vecchio continente, procedendo al contempo a un cambio di passo sul piano della programmazione comunitaria in Calabria».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x