Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

D'Acri: tutelare la Camera di commercio di Cosenza

REGGIO CALABRIA Il consigliere regionale Mauro D’Acri ha incontrato nella sede della Camera di commercio di Cosenza il presidente Klaus Algieri. «Nel corso dell’incontro – si afferma in un comunica…

Pubblicato il: 25/02/2015 – 17:58
D'Acri: tutelare la Camera di commercio di Cosenza

REGGIO CALABRIA Il consigliere regionale Mauro D’Acri ha incontrato nella sede della Camera di commercio di Cosenza il presidente Klaus Algieri. «Nel corso dell’incontro – si afferma in un comunicato del consigliere regionale – D’Acri ha manifestato la ferma convinzione che la Camera di commercio di Cosenza non può rientrare nel piano di dimensionamento previsto dal governo, poiché rappresenta un presidio territoriale importante anche in considerazione della nuova riforma sulle Province».
«Le Camere di commercio – ha dichiarato D’Acri – svolgono un ruolo fondamentale per le aziende e le attività economiche. L’ente camerale cosentino, nello specifico, è una delle più antiche Camere di commercio d’Italia (precisamente la quinta), riconoscimento dovuto ad un passato prestigioso fatto di oltre 150 anni di storia, che con le sue 77mila aziende iscritte, risulta essere la più grande rappresentanza di imprese della Calabria». Il presidente Algieri ha presentato i progetti e i risultati raggiunti nei primi sei mesi di attività, oltre a tutte le azioni intraprese con la sua giunta in favore della promozione e della diffusione della cultura della legalità e al dimezzamento di tutte le indennità dei dirigenti e del direttore generale, così come indicato dal presidente Oliverio. Nel corso dell’incontro, è stata inoltre annunciata l’adesione, con delibera della Camera, all’osservatorio sulla Criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, presieduto dall’ex magistrato Gian Carlo Caselli. «Si tratta – ha dichiarato D’Acri – di un fatto importantissimo per rafforzare il rapporto di fiducia tra cittadini e le istituzioni. La legalità deve essere portata avanti con iniziative concrete. L’azione politica del presidente Oliverio va proprio nella direzione di avvicinare la res pubblica ai cittadini ed alle imprese, lavorando in modo trasparente e combattendo ovunque l’illegalità in tutte le sue devianze e degenerazioni. Scongiurata l’abolizione del diritto camerale – ha proseguito D’Acri – oggi mi unisco alla battaglia politica che sta portando avanti il presidente Algieri, per il riordino e la salvaguardia delle Camere sane sotto il profilo finanziario, forti ed efficienti dal punto di vista organizzativo nella piena convinzione che il motore dell’economia calabrese deve essere aiutato attraverso le Istituzioni pubbliche che ne garantiscono la trasparenza e la condivisione con le parti sociali». «La ripresa e la modernizzazione dell’Italia – ha concluso il consigliere regionale – non possono prescindere da una riforma delle Camere di commercio che sappia rafforzarne il ruolo di presidio permanente sui territori a sostegno delle Pmi proprio a garanzia di legalità. Le Camere di commercio insieme alle Province hanno rappresentano parte della storia e dello sviluppo dei territori. Ora che il governo è addivenuto alla determinazione di sopprimere le Province non è bene privare il mondo delle imprese anche di questo riferimento».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x