Ultimo aggiornamento alle 20:26
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Capo Colonna, sul "sagrato" si parcheggia

CROTONE «Non c’è nessun parcheggio a Capo Colonna». Così l’ex soprintendente per i Beni archeologici della Calabria Simonetta Bonomi – prima di lasciare il posto a Francesco Di Gennaro – aveva risp…

Pubblicato il: 18/05/2015 – 14:50
Capo Colonna, sul "sagrato" si parcheggia

CROTONE «Non c’è nessun parcheggio a Capo Colonna». Così l’ex soprintendente per i Beni archeologici della Calabria Simonetta Bonomi – prima di lasciare il posto a Francesco Di Gennaro – aveva risposto a cittadini, comitati e associazioni che avevano espresso le proprie preoccupazioni sulla destinazione di parte del sito archeologico crotonese. «Nessun parcheggio – aveva rimarcato – si tratta del sagrato della chiesa con tanto di pavimentazione». A dare man forte alle sue dichiarazioni erano arrivate poi, nell’ordine, le esternazioni del sindaco Peppino Vallone e, più recentemente, parte della relazione dei funzionari inviati dal titolare del dicastero dei Beni e le attività culturali Dario Franceschini e, dopo, la risposta all’interrogazione parlamentare del senatore Enrico Buemi (Psi) del ministro in persona.

 

capo colonna parcheggio

 

 

Si sa, però, che il tempo è un gran signore, e spesso riesce a mettere ordine – e a fare chiarezza – quando le parole sembrano affermare il contrario dei fatti. Per una vicenda iniziata lo scorso gennaio, insomma, ci sono voluti i festeggiamenti della Madonna di Capo Colonna per dire senza esitazione che – area da pavimentare o meno, chiusa al traffico un domani e aperta solo per la ricorrenza – si tratta, a oggi, di un parcheggio, se così si chiama uno spiazzale che ospita veicoli, moto e perfino cassonati. Tornano dunque a farsi sentire le preoccupazioni del comitato “Salviamo Capo Colonna”: «L’hanno detto in tutti i modi e ripetuto fino alla noia: non è un parcheggio. Lo ripetevano quando i cittadini bloccavano i lavori davanti al sagrato, lo ripetevano a tutti i giornalisti che increduli dello scempio non esitavano a chiedere, l’hanno detto negli incontri istituzionali, l’hanno scritto anche nelle varie risposte delle interrogazioni parlamentari, insomma – è quanto affermano dal comitato – ci avevano quasi convinti».

 

cassonato

 

«Ma così non sembra, basta guardare le foto per capire – riportano – l’ennesima bugia della Soprintendenza dei beni archeologici della Calabria. Infatti la prima bugia era quella che la copertura con il cemento del foro romano era l’unica soluzione, salvo poi essere smentiti dalla relazione mandata dal ministero e dalle decisioni prese del direttore Famiglietti. Vedere quelle auto, quei camper, parcheggiati sul sagrato di Capo Colonna, è stata un’offesa per certi versi, ancora peggiore del cemento stesso sul foro. Quelle auto parcheggiate – chiosano dal comitato – sintetizzano in un sol gesto l’incapacità o la malafede delle istituzioni, come soprintendenza e amministrazione comunale. Noi ce l’abbiamo messa tutta per dare la nostra fiducia alle istituzioni, ma ora se vogliamo essere seri e onesti verso noi stessi e verso il bene comune, come possiamo continuare a dialogare con queste persone che ci prendono in giro? Il comitato “Salviamo Capo Colonna” non dimentica lo scopo per cui è nato e ha prontamente segnalato alle autorità competenti il grave episodio di parcheggio “abusivo” verificatosi davanti al “sagrato” della chiesa, quindi – concludono – sopra il foro romano».

 

z. b.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x