Ultimo aggiornamento alle 11:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

A3, al vaglio nuove soluzioni alternative

LAMEZIA TERME Potrebbero essere decisivi i prossimi giorni per capire, almeno, se c’è una speranza che l’A3 – nel tratto tra Laino Borgo e Mormanno, interessato dal crollo del viadotto Italia – ven…

Pubblicato il: 03/06/2015 – 16:04
A3, al vaglio nuove soluzioni alternative

LAMEZIA TERME Potrebbero essere decisivi i prossimi giorni per capire, almeno, se c’è una speranza che l’A3 – nel tratto tra Laino Borgo e Mormanno, interessato dal crollo del viadotto Italia – venga riaperta anche a estate già inoltrata. È questo uno dei pochi elementi concreti emersi dall’incontro tenutosi al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti alla presenza del titolare del dicastero, Graziano Delrio, del presidente della Regione, Mario Oliverio, diversi sindaci dei Comuni interessati, il prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, e i rappresentanti di Anas. Per comprendere se si potrà procedere alla riapertura del tratto in questione ci vorrà un ulteriore incontro, stavolta di natura prettamente tecnica, che dovrebbe tenersi a breve in Calabria per valutare la fattibilità delle soluzioni che Anas sta studiando per la messa in sicurezza del viadotto.
Intanto, dal tavolo odierno sono emerse alcune soluzioni tampone che il governo, ha assicurato Delrio, valuterà in tempi brevissimi. È stato lo stesso governatore Oliverio, innanzitutto, a chiedere di sopperire all’attuale situazione viaria incentivando l’uso di mezzi di trasporto alternativi come treni ed aerei. Al vaglio, poi, c’è anche un percorso alternativo a quello sulla litorale tirrenica che prenda in considerazione la statale 19, ferma restando la necessità di attuare degli interventi migliorativi su entrambe le arterie stradali. Verranno valutate anche le proposte del governatore che prevedono, tra le altre cose, il rafforzamento delle cosiddette “autostrade del mare”, da usare soprattutto per i mezzi pesanti e da incentivare attraverso una tariffazione agevolata. A conclusione dell’incontro, cui come detto ne seguirà un altro di natura tecnica, il governo si è impegnato a reperire nuove risorse da investire nel piano viario regionale.
Nel frattempo, sempre in merito al crollo del viadotto Italia, la giunta regionale ha chiesto al governo lo stato di emergenza e l’istituzione di una «Commissione ministeriale ispettiva, al fine di verificare le cause dell’evento e quantificarne gli enormi danni alle attività economiche calabresi».
Intanto la Calabria aspetta. Soprattutto il comparto del turismo, che è già in allarme: «Possiamo registrare una riduzione di almeno il 20% delle prenotazioni, soprattutto da parte dei clienti campani, che sono i nostri primi ospiti – dice il presidente di Federturismo Calabria, Giuseppe Nucera –. La zona che soffre di più è senza dubbio l’Alto cosentino, con la Sibaritide in ginocchio e imprenditori che non sanno più a che santo votarsi. Minori difficoltà ci sono in altri territori, come Tropea e Pizzo, luoghi avvantaggiati dai voli charter. Il dato complessivo è però è di estrema gravità e solo gli stolti non se ne accorgono. Molti imprenditori saranno costretti a ridurre il personale, a non fare contratti stagionali, siamo di fronte a drammi umani veri e propri».

s. pel.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x