Ultimo aggiornamento alle 12:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Cassano, il vescovo incontra i giornalisti

CASSANO ALLO IONIO Il vescovo di Cassano allo Ionio, monsignor Francesco Savino, ha incontrato stamane una delegazione dei giornalisti del circolo della stampa “Pollino-Sibaritide”. «Ci sono tre te…

Pubblicato il: 11/07/2015 – 16:17
Cassano, il vescovo incontra i giornalisti

CASSANO ALLO IONIO Il vescovo di Cassano allo Ionio, monsignor Francesco Savino, ha incontrato stamane una delegazione dei giornalisti del circolo della stampa “Pollino-Sibaritide”. «Ci sono tre termini, tre parole, Verità, Libertà e Giustizia – ha detto monsignor Savino – che un giornalista non dovrebbe mai dimenticare. Un giornalista non può cedere alla falsità. Bisogna che chi fa informazione sia il collaboratore della verità, anche perché, la verità rende liberi ed è un attributo di Dio. Un giornalista che per qualsiasi motivazione cede alla falsità viene meno al suo ruolo». Per il vescovo di Cassano, «l’informazione, che è fondamentale nel processo formativo di una qualsiasi entità, è il segnale della libertà in una democrazia matura. Non vi può essere informazione se non vi è libertà. Il giornalista non può non essere al servizio della giustizia. Su queste tre parole, verità, libertà e giustizia, ci giochiamo la vita». L’incontro ha avuto inizio con un breve intervento del presidente del circolo della stampa “Pollino-Sibaritide”, Cosimo Bruno, il quale, nel dare, a nome di tutti i giornalisti, il benvenuto a monsignor Savino e nell’augurarsi che questo incontro sia l’inizio di una proficua collaborazione, ha illustrato, a grandi linee, le attività del Circolo. «I giornalisti – ha detto Bruno- sono i fedeli servitori della notizia e la loro professione è un servizio, una missione per la collettività. Anche la professione giornalistica, come gran parte delle professioni, in questo periodo, vive grosse difficoltà, ma non vi può essere un buon giornalismo se quotidianamente si vogliono cancellare le tutele e se, soprattutto, si attenta alle libertà e al giusto compenso». Anche per monsignor Savino «fare informazione è un servizio e mai come in questo momento la parola “servizio” va recuperata, dandogli il senso che gli compete. Oggi, nella nostra società, c’è l’andazzo di servirsi e non di servire. Sono preoccupato per la predominanza del narcisismo. L’individualismo è il grande regalo che ognuno di noi fa a chi non vuole servire, ma vuole servirsi. L’augurio e che voi possiate essere sempre coraggiosi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x