Ultimo aggiornamento alle 23:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Picchiava il fratello disabile per la pensione, arrestato 42enne

SAN PIETRO A MAIDA I carabinieri della Compagnia di Girifalco hanno arrestato a San Pietro a Maida Massimiliano Tedesco, di 42 anni, con l’accusa di avere picchiato più volte e sequestrato il frate…

Pubblicato il: 17/08/2015 – 16:23
Picchiava il fratello disabile per la pensione, arrestato 42enne

SAN PIETRO A MAIDA I carabinieri della Compagnia di Girifalco hanno arrestato a San Pietro a Maida Massimiliano Tedesco, di 42 anni, con l’accusa di avere picchiato più volte e sequestrato il fratello disabile mentale di 47 anni al fine di sottrargli la pensione d’invalidità. In manette è finita anche la moglie di Tedesco, Luisa Zulian, di 52 anni. I due arrestati sono stati posti ai domiciliari. I maltrattamenti ai danni del disabile andavano avanti dal dicembre del 2014.

Massimiliano Tedesco e la moglie sono stati arrestati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Lamezia Terme su richiesta della Procura della Repubblica. I reati contestati ai due, in concorso, sono estorsione, lesioni, rapina e sequestro di persona. Tedesco e la moglie spesso chiudevano la vittima in una stanza. In un’occasione, inoltre, il disabile, a causa di un pestaggio cui è stato sottoposto, ha subito lesioni guaribili in 25 giorni. All’uomo, inoltre, Tedesco e la moglie sottraevano il bancomat per impadronirsi del denaro che aveva sul suo conto corrente. I carabinieri, nel ricostruire i fatti, hanno accertato che i pestaggi ai danni del disabile erano iniziati dopo che Massimiliano Tedesco era rientrato dalla Svizzera, dove aveva soggiornato per alcuni anni per motivi di lavoro, stabilendosi assieme alla moglie a casa della madre, morta da poco. È stato il disabile, stanco delle violenze subite, a denunciare i fatti ai carabinieri, che hanno accertato la veridicità del suo racconto. In casa della coppia arrestata i carabinieri, nel corso di una perquisizione, hanno trovato, inoltre, sette grammi di marijuana e tre di hascisc. I due, per questo, sono stati denunciati anche per detenzione illegale a fine di spaccio di sostanze stupefacenti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x