Ultimo aggiornamento alle 23:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Fauna selvatica, proposta di legge di Mirabello

VIBO VALENTIA «È ben noto a tutti il problema del proliferare incontrollato dei cinghiali e del loro muoversi all’interno del nostro territorio, arrecando danni ingenti alle coltivazioni, ai manufa…

Pubblicato il: 29/02/2016 – 17:01
Fauna selvatica, proposta di legge di Mirabello

VIBO VALENTIA «È ben noto a tutti il problema del proliferare incontrollato dei cinghiali e del loro muoversi all’interno del nostro territorio, arrecando danni ingenti alle coltivazioni, ai manufatti e a volte anche alle persone fisiche. Le politiche di contenimento della specie ad oggi non hanno dato grandi risultati rimane dunque l’esigenza e l’urgenza di adottare un provvedimento legislativo atto a consentire delle battute di caccia mirate all’abbattimento o alla cattura “straordinaria” al fine di riequilibrare il momentaneo sovradimensionamento della specie nei nostri territori, sia per tutelare l’incolumità dei cittadini sia per garantire le normali attività agricole oggi compromesse da tali presenze». Queste le motivazioni che hanno spinto i consigliere regionale del Pd Michele Mirabello a predisporre una proposta di legge che regolamenti la gestione sui territori calabresi degli ungulati selvatici.
«I danni subiti in questi anni dagli ormai esasperati agricoltori ammontano a migliaia e migliaia di euro – sottolinea il consigliere regionale – un freno quindi all’economia agricola della nostra regione, che si quantifica in danni economici con perdite continue e costanti delle produzioni agricole e con intere piantagioni danneggiate, tali da scoraggiare gli stessi agricoltori ad investire sulle future linee di sviluppo, che lo stesso Governo regionale cerca di attuare attraverso gli strumenti finanziari programmati nel nuovo Psr». La proposta di legge – si legge in una nota – introduce esclusivamente «disposizioni atte a rendere più efficace il controllo, la gestione ed il contenimento della specie rafforzando la portata venatoria sui cinghiali mediante l’ampliamento dei periodi e delle modalità di caccia attraverso il monitoraggio da parte delle squadre di cinghialai delle A.t.c. distribuite sull’intero territorio, nonchè quello di mettere in atto azioni concrete per risolvere le questioni connesse ai danni causati all’agricoltura».
La finalità è disciplinare la gestione faunistica e venatoria “straordinaria” della caccia al cinghiale all’interno del territorio regionale «nel rispetto del calendario venatorio e delle leggi nazionali e regionali vigenti, allo scopo di tutelare e gestire un piano di cattura ovvero di abbattimento controllato per il riequilibrio della popolazione faunistica in sovradimensionamento».
A tal fine la Regione Calabria attraverso la Consulta faunistica venatoria regionale, sentiti gli Ambiti territoriali di caccia (Atc), dovrà predisporre un regolamento da inserire nel piano faunistico regionale «che stabilisca tre obiettivi fondamentali: l’individuazione dei territori che prevedono sovradimensionamento della popolazione di ungulati, un piano di prelievo selettivo del cinghiale per il riequilibrio della specie ed infine miri ad interventi immediati per la prevenzione ed il recupero dei danni provocati alle coltivazioni».
I territori che non presentano vocazione per la presenza degli ungulati salvaguardando le colture agricole e le altre specie selvatiche, saranno individuati dalla Consulta faunistica regionale, sentiti gli Ambiti territoriali di caccia. In tal caso sarà consentita la gestione faunistica e venatoria del cinghiale anche in periodi diversi da quelli definiti dal calendario venatorio. Dagli stessi organismi saranno predisposti i piani di cattura, ovvero di abbattimento controllato obbligatoriamente, stabilendo annualmente: la motivazione, la consistenza tendenziale della popolazione faunistica in sovradimensionamento, la quantità oggetto del piano di cattura o di abbattimento, il periodo di svolgimento e durata delle operazioni, la finalità cui sono destinate le specie catturate o abbattute.
«Il nostro obiettivo – conclude Mirabello – è naturalmente quello di tutelare le produzioni agricole, riportando un equilibro nel rispetto anche di una gestione indiscriminata degli anni passati e che è sempre stata affrontata con superficialità, creando e favorendo un’enorme difformità anche nell’equilibrio tra la natura e il mondo animale. Questa legge dovrà restituire il giusto rapporto e ridare le giuste dimensioni tra i due aspetti, ridando soprattutto l’entusiasmo perduto a quegli agricoltori che credono ancora nelle tante risorse della nostra terra».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x