Ultimo aggiornamento alle 23:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

«Ora Tansi accusa Oliverio di irregolarità»

CATANZARO «Quando si dice la gratitudine. L’ambizioso e “felpato” capo della Protezione civile, avido di protagonismo (e sempre in attesa della nomination al Premio Nobel), non ha esitato a me…

Pubblicato il: 04/03/2016 – 14:55
«Ora Tansi accusa Oliverio di irregolarità»

CATANZARO «Quando si dice la gratitudine. L’ambizioso e “felpato” capo della Protezione civile, avido di protagonismo (e sempre in attesa della nomination al Premio Nobel), non ha esitato a mettere sulla graticola anche l’attuale governatore Mario Oliverio che pure lo aveva tenacemente voluto in quella postazione, preferendolo a candidati ben più titolati». Così il consigliere regionale Mimmo Tallini.
«Il teorema – continua – potrebbe essere così sintetizzato: l’uomo di fiducia di Oliverio chiama in causa anche Oliverio per le presunte irregolarità nella gestione e la messa in sicurezza a seguito dell’alluvione di Vibo Valentia, procedure allo stato ancora in atto. Ma ecco i fatti. Si apprende dalla stampa che il dottor Carlo Tansi, uomo di fiducia del governatore Oliverio alla guida della Protezione civile calabrese, avrebbe provveduto a depositare presso la Guardia di finanza di Catanzaro un esposto-denuncia relativamente alla gestione, ritenuta irregolare, di alcune procedure attuative in seno alla Protezione civile. Più in particolare, la sua denuncia riguarderebbe la gestione e la messa in sicurezza a seguito dell’alluvione di Vibo Valentia del 3 luglio 2006, afferente quindi l’ordinanza del presidente del Consiglio dei ministri numero 3531 del 7/7/2006 (Opcm 3531/2006)».
«Le indagini interne che il nuovo responsabile della Protezione civile ha condotto – prosegue Tallini –, dopo avere messo i sigilli e chiuso con catene le porte d’accesso al dipartimento, riguarderebbero, stante le informazioni giornalistiche non smentite, gli ultimi tre anni di gestione dell’ufficio. Considerato che all’articolo 1 comma 2 dell’ordinanza 0080 del 12 maggio 2013, viene specificato che «il presidente della Regione Calabria è individuato quale responsabile delle iniziative finalizzate al subentro della medesima Regione nel coordinamento degli interventi», ne deriva che, andando a ritroso, gli atti consegnati da Tansi alla Guardia di finanza riguarderebbero per circa 14 mesi responsabilità in capo al presidente Scopelliti, per 8 mesi responsabilità riconducibili in capo alla facente funzioni Antonella Stasi e per 14 mesi responsabilità riconducibili in capo all’attuale presidente della giunta Mario Oliverio. Non ci meraviglia più di tanto che Tansi denunci, come frequentemente abbiamo avuto modo registrare, presunti misfatti addebitabili alla precedente gestione di centrodestra (Scopelliti-Stasi). La mission che gli è stata affidata (o che egli si è auto-attribuita) è infatti quella di agitatore politico del centrosinistra e gestore di pagine Facebook per insultare i consiglieri regionali.
Ma desta stupore e, perché no, anche ammirazione, il coraggio dimostrato da Tansi se si considera che l’Opcm 3531/2006 vede come attuatore, in qualità di commissario delegato, da circa 14 mesi l’attuale presidente della Regione Calabria Mario Oliverio».
«Vuoi vedere – ironizza Tallini – che Tansi, dopo aver fatto perdere il sonno a i tanti dipendenti della Protezione civile che si vedono criminalizzati e senza prospettiva e ai tanti calabresi che si augurano che la loro incolumità non dipenda dalla Protezione civile da lui diretta, avrà fatto perdere il sonno anche al presidente Oliverio quale responsabile dell’Opcm 3521/2006 da ben 14 mesi? L'”uragano Tansi” rischia di abbattersi sull’inconsapevole Oliverio. Che non potrà rivolgersi nemmeno alla Protezione civile per difendersi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x