Ultimo aggiornamento alle 8:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Nesci e Parentela: «Grave colpo di mano sul punto nascita di Crotone»

CROTONE «Il commissario dell’Asp di Crotone, Sergio Arena, è responsabile d’aver sospeso abusivamente la verifica in corso del punto nascita di Crotone, che dall’ispezione parlamentare di noi 5 ste…

Pubblicato il: 17/05/2016 – 16:11
Nesci e Parentela: «Grave colpo di mano sul punto nascita di Crotone»

CROTONE «Il commissario dell’Asp di Crotone, Sergio Arena, è responsabile d’aver sospeso abusivamente la verifica in corso del punto nascita di Crotone, che dall’ispezione parlamentare di noi 5 stelle non risulta affatto avere i requisiti previsti dalla normativa. Pertanto, Arena, che ha risolto la verifica con una deliberazione illegittima, deve ripristinare la verifica secondo legge e un minuto dopo dimettersi». Lo hanno detto i deputati M5S Dalila Nesci e Paolo Parentela in una conferenza stampa a Crotone, dopo aver visitato il punto nascita dell’ospedale civile e incontrato il procuratore della Repubblica, Giuseppe Capoccia, al quale hanno riassunto la vicenda specifica e la modificazione della norma regionale sulla durata dei commissari, che ha portato a una nuova proroga per l’incarico di Arena, nonostante l’approvazione, fin dallo scorso agosto, dell’albo degli idonei alla carica di direttore generale d’azienda sanitaria. Gianluigi Scaffidi, consulente tecnico dei 5 stelle per la sanità, ha spiegato in conferenza le criticità oggettive del punto nascita di Crotone: «Presenza di una sola sala parto e non delle tre previste dalla legge, per di più in condizioni che ne compromettono l’igiene; disponibilità di un’impropria isola neonatale, box travaglio sotto dimensioni, mancanza di un percorso sporco-pulito e, soprattutto, di un percorso dedicato dalla sala operatoria». Nesci e Parentela hanno lanciato l’allarme sulla sicurezza dei punti nascita in Calabria, partendo da Crotone. I due parlamentari hanno incontrato nell’ospedale di Crotone la mamma del piccolo Gabriel, per il quale al procuratore hanno chiesto «verità e giustizia riguardo al tragico evento», senza mischiare il caso con l’avvenuta sospensione della verifica del punto nascita e «la successiva deliberazione con cui la direzione aziendale l’ha – per Nesci e Parentela – dichiarato idoneo fuori delle norme». I due parlamentari 5 stelle scriveranno una lettera al governatore Mario Oliverio, per chiedere di revocare l’incarico ad Arena, alla luce del «gravissimo colpo di mano sul punto nascita di Crotone».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x