Ultimo aggiornamento alle 22:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Giudizio immediato per gli assassini di Gennaro Ventura

LAMEZIA TERME È stato disposto il giudizio immediato per Domenico Cannizzaro e Gennaro Pulice, rispettivamente accusati di essere mandante ed esecutore materiale dell’omicidio di Gennaro Ventura, f…

Pubblicato il: 26/10/2016 – 16:06
Giudizio immediato per gli assassini di Gennaro Ventura

LAMEZIA TERME È stato disposto il giudizio immediato per Domenico Cannizzaro e Gennaro Pulice, rispettivamente accusati di essere mandante ed esecutore materiale dell’omicidio di Gennaro Ventura, fotografo di Lamezia Terme ucciso il 16 dicembre 1996. L’udienza è stata fissata per il 20 dicembre prossimo, in corte d’assise a Catanzaro. Gli investigatori della Squadra Mobile di Catanzaro e del commissariato di Lamezia Terme sono riusciti a trovare un punto fermo riguardo al delitto del fotografo ed ex carabiniere Ventura grazie alle parole del collaboratore di giustizia Gennaro Pulice che si è addossato l’esecuzione dell’omicidio. E ne ha spiegato anche il movente. «Il Ventura – ha raccontato Pulice al sostituto procuratore della Dda, Elio Romano, nel corso di un interrogatorio – aveva arrestato una persona dei Cannizzaro quando era carabiniere». Ventura lavorava a Tivoli quando si è imbattuto in Raffaele Rao, cugino di Domenico Cannizzaro. Secondo la ricostruzione dei fatti, nel 1991 Ventura e un collega si stavano recando da un perito chimico del tribunale per consegnargli dello stupefacente da analizzare. Sulle scale avrebbero incrociato due uomini che uscivano, uno vestito da poliziotto e uno in borghese. Arrivati dal perito scoprirono che qualcuno lo aveva aggredito sottraendo al laboratorio una notevole quantità di sostanza stupefacente. Dopo una serie di indagini, in casa di Rao venne trovata la droga sottratta ai laboratori. Nel corso del processo Ventura e il suo collega testimoniarono inchiodando Rao per rapina e aggressione. Secondo il racconto di Pulice, i Cannizzaro «non se la tengono, come non se la sono tenuta per il fatto di Ventura che era un ex carabiniere».
Congedatosi dall’Arma e tornato a Lamezia Terme per intraprendere l’attività di fotografo insieme al padre e al fratello, Gennaro Ventura è stato individuato dalla cosca. Questo, secondo l’accusa, avrebbe decretato la sua condanna a morte. Secondo quanto ricostruito dalle indagini, la vittima, il 16 dicembre del 1996, è stata attirata in una trappola con la scusa di un lavoro da commissionare. Ma all’appuntamento si presentò l’appena 18enne Gennaro Pulice, nuova leva, all’epoca, della consorteria Iannazzo-Cannizzaro-Daponte. Un colpo di pistola in fronte ha posto fine ai giorni di Ventura, il cui corpo, sempre per mano di Pulice, è stato occultato in una buca per la fermentazione del mosto in un casolare abbandonato. Per molti anni su quella scomparsa aleggiarono congetture e misteri. Fino al 2008, quando i resti del suo corpo, la sua attrezzatura e la fede nuziale, vennero ritrovati casualmente nel corso di un sopralluogo per la vendita del casolare. Il 20 dicembre, dopo 20 anni dalla scomparsa di Gennaro Ventura, si darà inizio alla lettura di un nuovo capitolo di questa triste storia.

Alessia Truzzolillo
a.truzzolillo@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x