Ultimo aggiornamento alle 15:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Consiglio flash, incombe il referendum

REGGIO CALABRIA In mezz’ora. Un’altra seduta di consiglio regionale flash. Stavolta a essere liquidati in tempi record sono due provvedimenti finanziari: il rendiconto 2015 e l’assestamento re…

Pubblicato il: 30/11/2016 – 12:48
Consiglio flash, incombe il referendum

REGGIO CALABRIA In mezz’ora. Un’altra seduta di consiglio regionale flash. Stavolta a essere liquidati in tempi record sono due provvedimenti finanziari: il rendiconto 2015 e l’assestamento relativo al periodo 2016-2018. Atti propedeutici al bilancio di previsione 2017 e al collegato alla legge di Stabilità che, come ribadito dal vicepresidente Viscomi, saranno approvati prima di Natale. 
Altre proposte di legge: non pervenute. Le opposizioni? Silenti: garantiscono il numero legale e si limitano ad astenersi sul rendiconto e a votare contro l’assestamento. Per il resto nessuna discussione, calma assolutamente piatta (il dem Guccione, l’unico che di questi tempi abbozza un qualche dissenso nei confronti della giunta, è assente).

PARTECIPATE Così la scena la occupa per intero Viscomi, che annuncia una stretta per le società partecipate ed esorta i Comuni a fare di più per quel che riguarda il pagamento dei tributi per acqua e rifiuti.
Il vicepresidente ricorda il giudizio di parifica al bilancio della Corte dei conti, che 1è un grande risultato se si considera che le altre Regioni non lo hanno ottenuto».
In base agli stessi rilievi della Corte, inoltre, nelle prossime settimane la commissione di Vigilanza svolgerà delle audizioni su società partecipate e patrimonio, per le quali «presenteremo nuove normative che saranno affrontate con il prossimo Collegato». 
«La giunta – rammenta ancora Viscomi – sta continuando a sfoltire il complesso bosco di queste società: pochi giorni fa ha chiesto il fallimento della società Magna Graecia e sta inoltre elaborando una norma sul controllo contabile degli enti strumentali. Procederemo così a una revisione radicale, con particolare attenzione a Calabria Verde». Quanto al patrimonio della Regione, il prof prestato alla politica promette provvedimenti per incrementare il personale e semplificarne la gestione.

L’ASSESTAMENTO Subito dopo, il Consiglio dà il via libera all’assestamento di bilancio che movimenterà circa 60 milioni di euro. Una “manovrina” resa possibile – aggiunge Viscomi – «da maggiori entrate specifiche, tra cui quelle relative all’Iva non Sanità e alla riscossione delle tasse automobilistiche». In particolare, la Regione ha predisposto la copertura del maggior fabbisogno di Calabria Verde (pari a 18 milioni), Arsac (2) e Fondazione Terina (600 mila euro). Altri 7,7 milioni sono invece relativi ad accordi transattivi con Enel, frutto di sentenze passate in giudicato.
La seduta finisce qui, con il Consiglio appiattito sul cronoprogramma della giunta e incapace – oggi come tante altre volte – di formulare proposte che abbiano un qualche margine di autonomia.

Pietro Bellantoni
p.bellantoni@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x