Ultimo aggiornamento alle 0:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Pd, Bevacqua rilancia la (sua) corrente

CATANZARO Occorre coinvolgere maggiormente nel partito quelle energie vive e sane del territorio. In sintesi questo l’appello, lanciato in una nota, del consigliere regionale del Pd Mimmo Bevacqua …

Pubblicato il: 28/12/2016 – 16:35
Pd, Bevacqua rilancia la (sua) corrente

CATANZARO Occorre coinvolgere maggiormente nel partito quelle energie vive e sane del territorio. In sintesi questo l’appello, lanciato in una nota, del consigliere regionale del Pd Mimmo Bevacqua a capo della corrente Zonadem. Un appello che arriva «dopo il silenzio che ha caratterizzato la sconfitta referendaria con le conseguenti dimissioni di Renzi» e che sottolinea la «necessità di prendere atto della volontà dei cittadini» visto che «il voto del 4 dicembre è una sorta di ribellione dei cittadini».
Secondo Bevacqua, «un voto antisistema espresso per la maggior parte da giovani, disoccupati, dai cittadini che vivono sulla propria pelle, quotidianamente il disagi di redditi bassi, l’emergenza lavoro o quella della salute o quella della casa. La bocciatura della riforma costituzionale va letta principalmente come una rifiuto dell’ establishment, dell’apparato di potere che ha fallito proprio perché percepito come distante e avulso dai contesti sociali, sempre più problematici e vulnerabili». E preannuncia l’assemblea provinciale di Zonadem subito dopo le feste natalizie.
«Il lavoro che ci attende ora – dice il presidente della commissione regionale Ambiente – è determinante. Non si può più scherzare, se vogliamo veramente riprendere il dialogo con la base. Ma si tratta anche di ritrovare le ragioni dello stare insieme in un progetto politico di riforma del Paese rilanciare un nuovo welfare per rispondere ai bisogni dei vecchi e nuovi poveri, tralasciare i personalismi che hanno lacerato il partito».
«La cosa più grave – insiste Bevacqua – è che non siamo riusciti a convincere i giovani che pure nel dibattito ci sono stati ma, complice anche un’impostazione sbagliata della campagna referendaria, hanno espresso tutto il loro dissenso al governo e ad una riforma che non è stata interpretata nella sua essenza, ma utilizzata come capro espiatorio di un malessere che covava nei cittadini e nella base del partito da tempo e che abbiamo effettivamente ignorato».
«Non abbiamo molto tempo – sottolinea ancora l’esponente di Zonadem – dobbiamo cambiare metodo e ridare forza al territorio ripensando magari anche alla funzione dei circoli locali, alla politica dell’ ascolto, del coinvolgimento e soprattutto a quel pragmatismo politico che consentiva di tradurre il disagio e le problematiche dei cittadini in azioni di governo e piani di intervento. La politica al servizio dei cittadini e non viceversa».
Per Bevacqua, «ciò vale anche a livello regionale dove l’approvazione di strumenti legislativi strategici, quali, solo per citare gli ultimi, il Piano regionale dei rifiuti nell’ottica di una uscita definitiva dall’emergenza nella gestione del ciclo dei rifiuti e il Piano regionale dei trasporti che ha ripercussioni dirette sulla possibilità di sviluppo economico e commerciale della Calabria, non viene recepita nella loro valenza strategica».
«Queste circostanze impongono – dice il consigliere regionale – una riflessione seria nell’ambito della maggioranza che oggi governa la regione. Credo che sul fronte legislativo abbiamo fatto tanto, approvando, in soli due anni, leggi importanti come la modifica della legge urbanistica e quella relativa al piano casa, il Qtrp, strumento cardine per la programmazione socio economico di ogni regione. Allora se nonostante tutto questo veniamo recepiti in chiave negativa, una riflessione credo che sia doveroso farla».
«Ecco perché- continua Bevacqua- occorre ripartire da noi – da un partito troppo spesso avvinghiato da beghe e personalismi per ritrovare le ragioni per lavorare insieme, in un contesto politico di forte appartenenza che, nonostante tutto, resta una casa democratica, libera e riformista».
«Nascondere come gli struzzi, la testa sotto la sabbia – conclude l’esponente del pd – senza avere la consapevolezza del tempo che viviamo e dellle attese per le nostre comunità, significa decretare un declino lento ma inesorabile del PD calabrese rischiando di consegnare la regione a chi oggi fa del qualunquismo e del populismo la sua arma migliore per mietere consenso. Per far ciò – conclude Bevacqua – c è bisogno che qualcuno si assuma la responsabilità di alimentare il dibattito, per il bene del PD, dei calabresi e della maggioranza che governa la Calabria. Da qui la decisione di Zonadem di promuovere per metà gennaio una grande iniziativa per avviare una riflessione a più voci nel Pd ed il rilancio dell’attività dell’azione di governo regionale attraverso il coinvolgimento, nel dibattito, del Presidente della giunta regionale e di tutti gli attori sociali della nostra regione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x