Ultimo aggiornamento alle 16:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Uccise la figlia neonata, chiesti 10 anni di carcere

CATANZARO Ha chiesto una condanna a dieci anni di reclusione, il sostituto procuratore di Catanzaro Alessandro Prontera, nei confronti di Marianna Roshka, donna ucraina di 33 anni accusata di …

Pubblicato il: 23/01/2017 – 15:05
Uccise la figlia neonata, chiesti 10 anni di carcere

CATANZARO Ha chiesto una condanna a dieci anni di reclusione, il sostituto procuratore di Catanzaro Alessandro Prontera, nei confronti di Marianna Roshka, donna ucraina di 33 anni accusata di avere ucciso la propria figlia neonata subito dopo il parto e di averne occultato il cadavere in una valigia.
La vicenda risale alla mattina del 17 agosto 2015 a Montepaone, dove la donna si trovava in vacanza col marito in casa dei suoceri. Quel giorno la Roshka venne portata d’urgenza in ospedale a Soverato a causa di una forte emorragia. Qui raccontò ai medici di avere avuto un aborto spontaneo ma le sue condizioni fisiche non convinsero chi la visitò e dall’ospedale partì una segnalazione ai carabinieri. I militari perquisirono immediatamente la casa dei suoceri e trovarono il corpo di una neonata avvolto in un asciugamani dentro una valigia.
Le analisi dei Ris e del Racis di Roma avrebbero poi accertato che la bimba era nata viva al termine della gestazione. La prossima udienza, per dare parola alla difesa, rappresentata dall’avvocato Maria Aiello, è stata fissata per il prossimo 11 maggio.

Alessia Truzzolillo
a.truzzolillo@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x