Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Falsifica due bollettini per il canone Rai, condannato a 6 mesi

ROMA “Linea dura” contro chi non paga il canone Rai e, dopo l’arrivo della cartella fiscale, cerca di farla franca inviando all’Agenzia delle Entrate due falsi bollettini postali attestanti l’avven…

Pubblicato il: 01/02/2017 – 16:12
Falsifica due bollettini per il canone Rai, condannato a 6 mesi

ROMA “Linea dura” contro chi non paga il canone Rai e, dopo l’arrivo della cartella fiscale, cerca di farla franca inviando all’Agenzia delle Entrate due falsi bollettini postali attestanti l’avvenuto pagamento dell’importo dovuto per il canone, e quello per la sanzione del ritardato pagamento, con tanto di timbro dell’ufficio postale. La Cassazione ha infatti negato l’applicazione della legge sulla particolare tenuità del fatto – che esclude la punibilità penale dei reati meno gravi e di scarso allarme sociale – a un quarantacinquenne calabrese, Antonio D.M., condannato a sei mesi di reclusione. L’uomo aveva messo in pratica questo raggiro inviando al fisco che lo aveva “pizzicato” due bollettini postali taroccati, uno dell’importo di 107,5 euro per il canone tv del 2009 e l’altro di 8,45 euro per la sanzione del ritardo. L’evasore era stato processato per il delitto continuato di falso materiale in atto pubblico «per avere formato, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, due falsi bollettini di versamento su conto corrente postale, recanti l’impronta dell’Ufficio postale di Camarda di Aprigliano (Cosenza), attestanti rispettivamente l’avvenuto pagamento del canone Rai e della sanzione per il ritardato pagamento, e per averne fatto uso inviandoli alla competente Agenzia delle Entrate, anche allo scopo di commettere il delitto di truffa ai danni della Rai». Ma per questo ultimo reato non si è proceduto perché la tv pubblica – «ente offeso» – non ha presentato querela. Ad avviso della Suprema Corte, non è possibile applicare la riforma che ha depenalizzato i reati meno gravi perché la stessa legge «nega la possibilità di riconoscere la causa di esclusione della punibilità in favore di chi abbia commesso più reati della stessa indole, anche nella ipotesi in cui ciascun fatto, isolatamente considerato, sia di particolare tenuità, al caso di reati della stessa indole presi in considerazione nell’ambito del medesimo procedimento penale perché avvinti dal vincolo della continuazione».
Se si fosse accontentato di falsificare un solo bollettino, in sostanza, Antonio D.M. non sarebbe stato condannato penalmente: la sua “voglia” di mettersi del tutto in regola gli è stata fatale. «Non può dunque che rilevarsi l’impossibilita’ di riconoscere all’imputato la causa di non punibilità, essendosi egli reso responsabile, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, di due reati della stessa indole, in quanto lesivi del medesimo bene giuridico, vale a dire quello della fede pubblica», concludono gli ermellini nella sentenza 4852 depositata oggi dalla Quinta sezione penale. Il verdetto conferma quello emesso dalla Corte di Appello di Catanzaro il 12 aprile del 2016 a convalida della sentenza di primo grado pronunciata dal Tribunale di Cosenza.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x