Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Vertenza Call&Call, l'appello dell'Ugl

LOCRI L’Ugl Telecomunicazioni Calabria è «moralmente e fortemente impegnata a difendere il lavoro in terra calabrese, per ovvie ragioni, non può sottacere all’ultimo smacco che 129 lavoratori stann…

Pubblicato il: 19/07/2017 – 15:02
Vertenza Call&Call, l'appello dell'Ugl

LOCRI L’Ugl Telecomunicazioni Calabria è «moralmente e fortemente impegnata a difendere il lavoro in terra calabrese, per ovvie ragioni, non può sottacere all’ultimo smacco che 129 lavoratori stanno per ricevere». Il riferimento, si legge in una nota del sindacato, è «ai colleghi, quindi alle famiglie, che lavorano nell’azienda Call&Call che opera da anni nella città di Locri». La società committente Engie Italia pare abbia riferito all’azienda di voler spostare i volumi di traffico di questa attività lontano da Locri e le motivazioni addotte farebbero riferimento a problemi “logistici”. «Trattandosi di un sito attualmente mono-commessa, ciò rappresenterebbe – scrive l’Ugl – il verificarsi di un dramma occupazionale. Per queste motivazioni abbiamo accolto l’invito dell’assessore regionale al Lavoro della Calabria per poter dibattere di una tematica paradigmatica di quanto accade nel mondo dei call center. L’incontro di giorno 18 luglio – riferisce il sindacato – è stato molto proficuo ed il fatto che l’assessore regionale Roccisano si sia impegnata a svolgere attività di persuasione morale, anche rispetto al governo nazionale, rassicura le parti sociali ed i lavoratori di Locri rispetto ad una unità di intenti». «A riguardo, come organizzazione sindacale, abbiamo rimarcato un nostro auspicio rispetto all’atteggiamento della politica, volto a lasciare da parte le posizioni di “colore politico” per unirsi in una battaglia a difesa del lavoro nella nostra regione, che ricordiamo risulta già essere profondamente depressa da questo punto di vista. Siamo italiani, ma ancor prima calabresi, per queste ragioni a noi viene da pensar male se i lavoratori e le lavoratrici dovessero perdere il posto di lavoro per scelte che qualcuno definisce logistiche ma che noi definiamo “geografiche”. Al contempo è importante, anche a livello mediatico, sottolineare che i colleghi di Locri – conclude l’Ugl – hanno sempre svolto il loro lavoro con responsabilità e professionalità riuscendo a far guadagnare i committenti che negli anni si sono succeduti risultati gratificanti economicamente e qualitativamente. Ci teniamo a sottolineare ciò per evitare che anche livello mediatico questa battaglia venga “percepita” erroneamente come una classica richiesta di aiuto».  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x