Ultimo aggiornamento alle 22:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Mondiali tuffi, De Rose da brivido. «Bronzo dedicato a mio padre»

BUDAPEST Alessandro De Rose ha vinto la medaglia di bronzo nei Mondiali di tuffi dalle grandi altezze a Budapest. Il 25enne cosentino, tesserato per la Trieste Tuffi Edera 1904, allenato dalla fida…

Pubblicato il: 30/07/2017 – 13:18
Mondiali tuffi, De Rose da brivido. «Bronzo dedicato a mio padre»

BUDAPEST Alessandro De Rose ha vinto la medaglia di bronzo nei Mondiali di tuffi dalle grandi altezze a Budapest. Il 25enne cosentino, tesserato per la Trieste Tuffi Edera 1904, allenato dalla fidanzata Nicole Belsasso, pochi giorni fa protagonista del successo a Polignano a Mare davanti a 50.000 persone, ha chiuso la gara con tuffi dai 27 metri, nello spettacolare scenario del Danubio, con un punteggio di 379.65. Davanti a lui lo statunitense Steve Lo Bue, oro, con 397.15, e il ceco Michal Navratil, argento, con 390.90. Alessandro De Rose ha conquistato la medaglia più coraggiosa della spedizione azzurra a Budapest. Il cosentino ha superato il taglio del quarto round con un triplo avanti con un avvitamento e mezzo e si è affacciato all’ultimo tuffo al settimo posto.
Eseguita benissimo la verticale all’indietro con due salti mortali e mezzo e tre avvitamenti. Ha vinto anche l’ultima incertezza, «grazie alla mia psicologa Consuelo Manfredi che mi aiuta a credere di più in me stesso» e con il quinto salto è risalito fino al primo posto provvisorio ma doveva aspettare gli ultimi quattro. Lo superano Lo Bue e Navratil. Resta solo l’ex campione del mondo Hunt – in testa sin dal primo round – che prova un tuffo rischiosissimo, «il più difficile di tutti», e all’ingresso in acqua non convince la giuria. La conquista, invece, De Rose, che ha già conquistato tutti con i suoi occhi verdi pieni di passione e amore per questo sport. Questa medaglia, la 15esima dell’Italia al mondiale ungherese, la dedica a suo padre che non c’è più: «Spero che sia contento. Gliela porterò quando scenderò a Cosenza ad abbracciare la mamma», ha detto il giovane campione cosentino. 

LA SODDISFAZIONE DEL SINDACO OCCHIUTO «L’ennesimo straordinario successo ai Mondiali di tuffi a Budapest, dopo l’exploit di Giovanni Tocci dal trampolino di un metro, viene firmato da un atleta di Cosenza, Alessandro De Rose, che conquista per la prima volta nella storia di questa specialità, una medaglia di bronzo per l’Italia nella gara di tuffi per le grandi altezze». Il sindaco Mario Occhiuto esprime un’incontenibile gioia, a nome suo e della città, per il podio odierno che a distanza di pochi giorni dall’impresa di Tocci riaccende nuovamente i riflettori su un campione nato nel capoluogo bruzio. «Alessandro De Rose è un nostro orgoglio – aggiunge Occhiuto – ma prima di tutto un orgoglio italiano che è riuscito a regalare al Paese un risultato storico mai ottenuto prima d’ora. Gli giungano le più sentite congratulazioni e l’invito a ricevere al più presto il giusto tributo nella casa comunale». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x