Ultimo aggiornamento alle 21:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Enrico Rossi atteso domani a Montepaone

MONTEPAONE La festa provinciale di Mdp-Articolo 1 che si terrà a Montepaone Lido, in provincia di Catanzaro, sabato 26 agosto, oltre a vedere la partecipazione del governatore della Toscana Enrico …

Pubblicato il: 25/08/2017 – 17:35
Enrico Rossi atteso domani a Montepaone

MONTEPAONE La festa provinciale di Mdp-Articolo 1 che si terrà a Montepaone Lido, in provincia di Catanzaro, sabato 26 agosto, oltre a vedere la partecipazione del governatore della Toscana Enrico Rossi, sarà anche l’occasione per mettere il sale sulle ferite del Pd catanzarese. A salire sul palco per aprire il dibattito previsto per domani, infatti, sarà un giovane universitario ormai ex tesserato Pd, Antonio Tino, che, dopo aver sfiorato l’elezione al consiglio comunale di Montepaone con la casacca dei democratici, ha scelto di aderire al partito guidato in Calabria da un illustre ex dem come Nico Stumpo.
Alla base della decisione di Tino, condivisa da una ventina di giovani iscritti ai Gd, le stesse motivazioni che nei giorni scorsi avevano spinto il coordinatore provinciale dei Giovani Democratici di Catanzaro, Domenico Tallarico, assieme ad altri esponenti della segreteria provinciale, a rassegnare le dimissioni a causa dell’incomunicabilità interna al Pd: «Questo partito sembra sempre più indirizzato verso una pericolosissima deriva ideologica, sulla base della quale l’elaborazione delle linee politiche, tanto a livello nazionale quanto nelle rispettive unioni regionali e federali, si manifesta sempre più come atto unilaterale, a opera di una classe dirigente intenzionata a isolarsi e a isolare i moniti di una base oramai abbandonata a sé stessa, la cui azione sembra essere sprovvista di margini di incisività sulle dinamiche territoriali. Come Giovani Democratici della Federazione di Catanzaro, con sacrificio e dedizione, abbiamo provato in questi anni a mantenere la discussione politica sempre viva, ad agevolare il dibattito, ma anche a lavorare per proposte concrete in seno alle varie istituzioni. Questa gestione del Partito democratico ha portato a un vero e proprio smarrimento dei principi cardine del centrosinistra, quali la “partecipazione” e “l’appartenenza”, valori che difficilmente siamo riusciti a ritrovare in questa fase storica», avevano scritto i giovani dirigenti un paio di settimane fa. Così, il passo pubblico di Tino è un altro duro colpo alla già instabile unità del Pd catanzarese che arriva ad appena una settimana dall’arrivo in Calabria del super-commissario della federazione catanzarese Massimiliano Manfredi.
Intanto, Stumpo carica i suoi in vista dell’evento di domani: «La presenza in Calabria di Enrico Rossi – ha detto – è per noi conferma di quanto interesse stia riscuotendo il progetto Articolo 1 nella nostra regione. Una regione in cui è necessario tornare a riportare al centro della discussione politica il tema del lavoro, con operazioni strutturali e di lungo termine che il governo centrale, ad oggi, non ha ancora messo in campo. Così Articolo 1, dopo aver iniziato nei mesi scorsi il tesseramento, ora ha intenzione di dimostrare che a sinistra del Pd c’è uno spazio ampio e forte in grado di far fronte unito e comune su temi di importanza centrale per la vita dei calabresi».

 

 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x