Ultimo aggiornamento alle 22:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Forza Italia, cresce il malumore per l'esclusione di Nicolò

REGGIO CALABRIA Annunciano la loro astensione dalle urne alcuni eletti e dirigenti locali di Forza Italia della fascia tirrenica reggina che intendono protestare così contro la decisione di non can…

Pubblicato il: 01/02/2018 – 12:06
Forza Italia, cresce il malumore per l'esclusione di Nicolò

REGGIO CALABRIA Annunciano la loro astensione dalle urne alcuni eletti e dirigenti locali di Forza Italia della fascia tirrenica reggina che intendono protestare così contro la decisione di non candidare nelle liste del partito alle elezioni del 4 marzo il capogruppo azzurro al consiglio regionale Alessandro Nicolò. In un documento con una trentina di firme in calce si esprime «grande delusione e profonda amarezza per la non candidatura di Nicolò, maturata in modo poco ortodosso e con logiche partitocratiche non corrispondenti ai principi dell’etica della politica. Infatti al capogruppo di Forza Italia alla Regione è toccata la stessa sorte di altri autorevoli esponenti politici di numerose regioni. Nicolò, dopo aver firmato la candidatura con il placet del presidente Berlusconi, si è ritrovato nella notte ad essere sostituito assieme a tanti altri candidati già vagliati positivamente dal tavolo, per far posto ai classici paracadutati inseriti e beneficiati per rapporti personali o di segreterie con il dominus di turno». «Tutto è avvenuto – è detto ancora nel documento – all’insaputa del presidente Berlusconi, in modo rocambolesco e inspiegabile che ci lascia stupiti. Esprimiamo il nostro forte dissenso perché sono stati violati quei principi di lealtà, onestà, serietà, coerenza che caratterizzano la persona e l’agire dell’amico Nicolò e che lo hanno accompagnato in questi anni nei diversi ruoli rivestiti, interpretati con spirito di servizio, anche nei momenti in cui Fi era considerata una nave pronta ad inabissarsi, con tanti Schettino di turno che saltavano, mentre lo stesso Nicolò è rimasto al timone. Basta ricordare le ultime elezioni regionali, quando tutti scapparono dall’altra parte e Nicolò ebbe il coraggio di guidare la lista di Fi, risultando il primo degli eletti nel collegio Calabria Sud, dimostrando di non essere un uomo di potere, ma di credere nei principi e nei valori, quelli che oggi vengono ignorati. Niente di personale con chicchessia ma sul piano politico siamo indignati». Tra i firmatari del documento ci sono Antonio Vigliarolo, ex sindaco di San Pietro di Caridà, Domenico Napoli, assessore al Comune di Melicucco, Domenico Scriva, capogruppo al Consiglio comunale di Rosarno, Giusy Zungri, consigliere comunale Rosarno, Francesco Trentinella e Silvana Misale, consiglieri comunali di Palmi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x