Ultimo aggiornamento alle 13:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

«La Sacal non ha i soldi per l’aeroporto di Crotone»

CROTONE «La Sacal non ha i soldi per mantenere aperto l’aeroporto di Crotone». Lo ha detto la consigliera regionale di “Calabria in rete” Flora Sculco, a proposto dell’incontro tenutosi ieri nella …

Pubblicato il: 14/02/2018 – 11:44
«La Sacal non ha i soldi per l’aeroporto di Crotone»

CROTONE «La Sacal non ha i soldi per mantenere aperto l’aeroporto di Crotone». Lo ha detto la consigliera regionale di “Calabria in rete” Flora Sculco, a proposto dell’incontro tenutosi ieri nella Cittadella regionale. La Sculco ha definito «drammatico e sconcertante» l’incontro che ha visto, tra gli altri, la partecipazione di un gruppo di sindaci del Crotonese, del governatore Mario Oliverio, del presidente e del direttore generale di Sacal, Arturo De Felice e Piervittorio Farabbi. «Drammatico e sconcertante – ha chiarito Sculco – perché è stato detto chiaro che i Comuni del Crotonese devono mettere mano al portafoglio, perché  Sacal non ha soldi».
La consigliera regionale si è chiesta «perché la Sacal ha partecipato al bando Enac per avere la gestione trentennale dell’aeroporto di Crotone, se non aveva soldi per la sua gestione?». Secondo la rappresentante di “Calabria in rete” ci sarebbe stata anche «la minaccia di licenziare i dipendenti dell’aeroporto il cui contratto è in scadenza il prossimo mese di marzo». In sostanza, è la lettura della consigliera, si sarebbe tentato di scaricare l’eventuale licenziamento dei dipendenti assunti sui Comuni, in caso non dovessero decidere di finanziare le attività dell’aeroporto Sant’Anna. Lo sconcerto, sempre secondo la consigliera regionale, sarebbe determinato anche dal comportamento del presidente Oliverio, che «non ha replicato a quanto affermato da De Felice». Sulla vicenda dell’aeroporto potrebbe essersi consumata una nuova rottura tra i DemoKratici di Crotone e il presidente Oliverio. Il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, non ha voluto rilasciare dichiarazioni, lo farà dopo l’incontro con i sindaci, i sindacati e le associazioni di categoria convocato per la mattinata di oggi.

I SINDACI: VOGLIAMO I FATTI E NON PIÙ ANNUNCI «Delusi. Delusi dall’incontro di ieri con De Felice e il presidente Oliverio, delusi per i modi e i toni utilizzati e per i contenuti dell’incontro stesso». È questo il sentimento che aleggia nell’incontro convocato oggi dal sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, che ha nuovamente riunito i movimenti, le associazioni di categoria e i sindacati. Pugliese ha, per l’ennesima volta, ribadito la propria «disponibilità, non solo più volte dichiarata ma anche formalizzata con tanto di atto di Giunta, e quella dei sindaci della provincia di Crotone a dare tutto il supporto necessario alla Sacal al fine di riprendere l’attività volativa da e per Crotone». «Nei prossimi giorni, le amministrazioni comunali crotonesi firmeranno un apposito protocollo d’intesa per sostenere la ripresa dello scalo ionico – si legge in una nota stampa dell’ufficio stampa del Comune di Crotone -. Disponibili sì! Ma per cosa?». È questa la domanda che tutti gli amministratori, spalleggiati dagli altri soggetti presenti al tavolo, hanno però voluto evidenziare.
La parola d’ordine delle amministrazioni – prosegue la nota -, fiaccate dai continui rinvii della Sacal che, un giorno sì e l’altro pure, annuncia trattative in corso con questa o quella compagnia aerea, senza però mai presentare un reale piano di volo, è “Pagare moneta, vedere cammello”, che tradotto significa che il sindaco di Crotone, prima di qualsiasi sforzo, vuole vedere gli aerei sulla pista dello scalo crotonese, e il reintegro di tutti i lavoratori che prestavano già servizio per l’aeroporto di Crotone.
Solo a queste condizioni, e solo a partire da quel momento – si legge ancora nella nota -, gli amministratori locali sono disponibili a mettere in campo ogni azione utile a sostenere lo scalo. I sindaci, con in testa Ugo Pugliese, questa volta pretendono fatti e non più annunci, e rivolgono la propria attenzione verso quel vettore che ha dimostrato come l’aeroporto di Crotone possa essere realmente attrattivo: Ryanair. Ma per avere Ryanair bisogna attivare il servizio Atc (Air traffic control) che per aeroporti di interesse nazionale, come Crotone, dovrebbe essere gratuito. Ma anche su questo versante, i crotonesi hanno assistito solo ad annunci e mai a fatti concreti».

Gaetano Megna
redazione@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x