Ultimo aggiornamento alle 23:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Vibo, Lico lascia la Camera di Commercio

Il presidente si dimette dopo l’approvazione del Bilancio 2017. «Gli ultimi fatti non mi permettono di lavorare serenamente». Il Consiglio dell’ente: forte rammarico per la scelta

Pubblicato il: 10/04/2018 – 17:49
Vibo, Lico lascia la Camera di Commercio

VIBO VALENTIA Il Consiglio della Camera di commercio di Vibo Valentia (nella foto), nella seduta odierna, ha approvato il bilancio consuntivo 2017 che fotografa un ente sano in grado di auto sostenersi e fornire nel contempo servizi di grande livello qualitativo, confermando un’azione amministrativa oculata e incisiva, coerente con una programmazione di interventi funzionali alla sviluppo e alla competitività di imprese e territorio.
«Ho atteso il compimento dell’iter amministrativo dell’approvazione del bilancio – ha detto Michele Lico – per formalizzare una decisione che già da giorni avevo assunto e che solo per senso di responsabilità avevo rimandato proprio ad oggi, nell’ambito di questo consesso, a conclusione della trattazione di una pratica così importante per la vita dell’Ente. I fatti ultimi che hanno riguardato la mia persona (le attività imprenditoriali della famiglia Lico sono finite in un filone dell’inchiesta Metauros, della Dda di Reggio Calabria, ndr), proprio per la mia storia personale e familiare di rispetto delle istituzioni e delle persone che sono chiamate a rappresentarle, ma ancor di più per l’autorevolezza dell’Ente camerale che con tanta passione e sacrificio ho contribuito a costruire in questi anni, non mi consentono serenamente di continuare a ricoprire un ruolo istituzionale che richiede legittimazione, autorevolezza e incondizionata credibilità che sento appartenere a me e all’Ente che fino ad oggi ho rappresentato. Pertanto, non senza tristezza, ma con la ferma consapevolezza di operare per il bene istituzionale prima ancora che per quello personale, rassegno oggi le mie dimissioni da Presidente della Camera di Commercio di Vibo Valentia, carica che mi onoro di aver ricoperto con trasparenza, dedizione e passione, con i dee e progetti concreti per lo sviluppo di imprese e territorio e per la creazione di nuove e sempre maggiori opportunità soprattutto per i giovani».
«Il mio orgoglio – continua Lico – è quello di lasciare l’Ente in ottima salute, con un bilancio consuntivo in attivo nonostante i tagli del 50% imposti e la riforma camerale che impone l’accorpamento. Ciò vuol dire che, sebbene con risorse limitate, siamo stati in grado di garantire comunque servizi di qualità, di dare continuità a progetti e di realizzarne sempre di nuovi, consolidando la fiducia di imprese e utenti verso l’Ente, che ha conquistato credibilità di interlocutore autorevole; tanto più in questi anni di crisi economica in cui ha saputo supportare l’innovazione e la competitività del sistema produttivo e del territorio, nell’ottica della trasparenza e della semplificazione. Per tutto questo abbiamo lavorato, rifuggendo da ogni autoreferenzialità e privilegiando, invece, sinergia e cooperazione, condivisione e inclusione».
Lico, il cui compito alla guida della Camera sarebbe terminato anche per via dell’accorpamento della stessa con gli enti di Crotone e Catanzaro, è stato destinatario di una lettera da parte del consiglio della Camera di Commercio. La missiva riepiloga i risultati raggiunti e «respinge all’unanimità le dimissioni del presidente». Nella chiosa, «il esprime forte rammarico per la ferma determinazione del presidente di voler confermare la sua intenzione di dimettersi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x