Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Minori utilizzati per spacciare cocaina: 6 arresti a Crotone – VIDEO

Smantellato un supermarket della droga. Una 13enne veniva impiegata per vendere stupefacenti. Il pm critica il gip: «Ha creduto al sotterfugio usato dagli spacciatori»

Pubblicato il: 22/05/2018 – 7:20
Minori utilizzati per spacciare cocaina: 6 arresti a Crotone – VIDEO

CROTONE  La Polizia di Stato nel corso di un’operazione, denominata “Sommelier”, ha arrestato sei persone accusate di spaccio di droga. I sei arrestati, tutti con precedenti, avevano messo in piedi un vero e proprio “supermercato della droga” concentrato nella città di Crotone e nei paesi vicini che coinvolgeva, a vario titolo, numerose persone. Il blitz, scattato nella notte, ha interessato in particolare il quartiere di via Acquabona di Crotone noto per essere un luogo in cui, praticamente a cielo aperto, viene effettuata con cadenza pressoché quotidiana e per l’intero giorno, la vendita e l’acquisto di droga, in particolare cocaina. Gli investigatori della Squadra Mobile, nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura di Crotone, hanno monitorato per diversi mesi i protagonisti di quest’attività effettuando diversi sequestri a conferma delle numerosissime intercettazioni nelle quali si commissionava la preparazione della droga che poi veniva ritirata presso le abitazioni degli arrestati i quali, non esitavano, a far ricorso anche a minori per garantirsi l’efficienza dello spaccio. Addirittura i poliziotti hanno anche documentato come, in diverse occasioni, anche la figlia tredicenne di uno degli arrestati venisse impiegata nella preparazione e nella cessione della cocaina: la bambina era talmente addentrata al contesto criminale in cui viveva da comprendere esattamente il significato delle richieste del padre nonostante questi, per timore di essere intercettato, impiegasse un linguaggio criptico. Infatti la droga veniva chiamata in diversi modi tra i quali “vino”, “bottiglie” “birra” e, nel caso delle richieste fatte dal padre alla figlia minorenne, anche “carabinieri”. Tra i clienti anche numerosi professionisti crotonesi.
https://www.youtube.com/watch?v=07Yyru38UW0&feature=youtu.be
All’operazione, oltre agli uomini della Squadra Mobile hanno preso parte i poliziotti del Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza e un equipaggio dell’unità cinofile di Vibo Valentia. Oltre ai sei arrestati, la polizia ha denunciato altre sedici persone accusate di concorso nello spaccio a cui è stata applicata la misura dell’obbligo della presentazione, per firmare, alla polizia giudiziaria.
«Una indagine esemplare – ha detto il procuratore, Giuseppe Capoccia – che ha permesso di chiudere due veri e propri supermercati della droga nel centro cittadino». Il sostituto procuratore Alfredo Manca, che ha coordinato l’indagine, aveva indagato 22 persone. Per tutti la Procura aveva chiesto l’arresto, ma il gip Francesca Familiari, ha disposto per 16 l’obbligo di firma. «Non vi tragga in inganno il numero esiguo di arrestati – ha aggiunto il procuratore – la Squadra Mobile in questi mesi ha documentato uno per uno gli eventi di spaccio, ma il gip ha sorprendentemente rigettato le nostre richieste e mi rammarica che il giudice abbia creduto al sotterfugio usato dagli spacciatori: spacciare tante piccole dosi mai insieme. Noi abbiamo documentato fino a 30 cessioni da un grammo ogni giorno».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x