Ultimo aggiornamento alle 23:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Ospedale di Castrovillari, Misiti: «La situazione sta precipitando»

Il deputato M5S lancia l’allarme sul presidio: «A rischio il reparto di Chirurgia». Stoccata a Scura: «Alla Regione serve la politica del Movimento»

Pubblicato il: 24/07/2018 – 17:18
Ospedale di Castrovillari, Misiti: «La situazione sta precipitando»

CASTROVILLARI «La situazione all’ospedale di Castrovillari sta precipitando. Potrebbe essere prossima la chiusura della Chirurgia con tutto quello che significherebbe per il territorio e per la popolazione della città del Pollino e dei comuni limitrofi». Lo afferma in una nota il deputato M5S Massimo Misiti, componente della Commissione Bilancio.
«Il prossimo 28 luglio – prosegue – andranno in pensione due chirurghi che si vanno ad aggiungere agli altri due colleghi già posti in quiescenza nei mesi scorsi e che diventeranno in totale sei con altri due professionisti verso il pensionamento entro la fine dell’anno. I fuoriusciti sono stati rimpiazzati con un’unità medica alle prime esperienze professionali, mentre già da oggi sarebbero necessari almeno tre chirurghi esperti. In pratica, se non si interviene subito, e sembra proprio che non ci siano notizie di nuovi arrivi, si dovrà ricorrere al blocco dei ricoveri e, ancora più grave, dell’emergenza. L’ospedale presenta lacune e deficienze praticamente in ogni settore: il pronto soccorso dispone di pochi medici; la broncopneumologia può contare solo su tre medici ed un numero inadeguato di infermieri; la pediatria in difficoltà; l’ortopedia che non decolla, nonostante la più buone intenzioni del nuovo primario, il dottore Bisignani, sprovvisto, però, di aiuti e di struttura. Per non parlare delle nuove sale operatorie che non sono ancora state messe nella condizione di essere utilizzate, mentre ben quattro diverse specialità insistono su una sola sala operatoria. E per ultimo c’è da rilevare la difficoltà nell’assistenza agli ammalati perché il numero degli operatori socio sanitari è assolutamente inadeguato: 20 sui 60 che necessiterebbero. Inutile sottolineare che tale carenza sottopone il personale a turni massacranti. Ma la cosa, se possibile, ancora più scandalosa è la situazione del laboratorio di analisi, per la cui risoluzione basterebbe una decisa volontà politica e si potrebbe porre rimedio al problema in pochissimo tempo. In pratica nella struttura dovrebbero essere impiegati un responsabile, tre medici e tre biologi; ad oggi, invece, l’organigramma è composta da un responsabile, due biologi e un medico. Per rimediare si dovrebbe concentrare il personale dei laboratori di Lungro, Mormanno e San Marco Argentano tutto nel presidio di Castrovillari. Ma per fare questo occorre superare gli interessi individuali, sui cui ha fatto e fa la propria fortuna la mala politica, e pensare a quelli della collettività».
Misiti, nei mesi scorsi, ha effettuato alcuni sopralluoghi nell’ospedale di Castrovillari e ha parlato con l’allora direttore sanitario del presidio, Domenico Filomia, rilevando, è scritto in una nota, «tutte le anomalie che ora si presentano in maniera ancora più prepotente».
«È evidente ancora una volta – sostiene il parlamentare – la politica fallimentare del commissario alla Sanità della regione Massimo Scura e la dannosa ingerenza della politica, che non pensa realmente al territorio e ai calabresi. Mi auguro che presto si possa condurre la politica del Movimento anche in Regione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x