Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Fondi alle Province, Salvini esulta ma a Vibo è rivolta

Il presidente Solano e i sindaci avviano iniziative per protestare contro il finanziamento di soli 300mila euro. Al prefetto sarà consegnato un documento affinché interceda con il governo

Pubblicato il: 31/01/2019 – 11:49
Fondi alle Province, Salvini esulta ma a Vibo è rivolta

ROMA Con il decreto interministeriale che destina a 76 province italiane 250 milioni di euro, dal 2019 al 2033, per la manutenzione di scuole e strade, in Calabria arriveranno 12.036.670 di euro che saranno così ripartiti: a Catanzaro 2,24 milioni, a Cosenza 6,28, a Crotone 3,21 e a Vibo Valentia 307mila euro. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha scritto ai
presidenti delle Province spiegando che le risorse sono state ripartite sulla base delle indicazioni dell’Upi: «Un segno tangibile – ha dichiarato Salvini – dell’attenzione che il Governo intende rivolgere a tutte le amministrazioni provinciali. La tutela delle comunità locali e la ripresa economica rappresentano una priorità: non a caso questo fondo segue l’erogazione di circa 400 milioni per i Comuni fino a 20mila abitanti». «Con la recente legge di bilancio – prosegue Salvini – sono stati alleggeriti e semplificati quei vincoli finanziari che, negli anni passati, per perseguire gli obiettivi del patto di stabilità interno prima e del pareggio di bilancio poi, hanno limitato per molti enti virtuosi il legittimo utilizzo delle proprie risorse, con regole sovente non comprensibili e condivisibili. Possiamo e dobbiamo fare di più. Ma siamo convinti di aver inaugurato una nuova fase nel rapporto tra governo e comunità locali».
RIVOLTA A VIBO «Non ci stanno i sindaci del Vibonese e il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, ad accettare il fatto che il governo, per la messa in sicurezza delle strade provinciali, abbia stanziato la misera cifra di 300mila euro. Hanno deciso, pertanto, di intraprendere, in maniera congiunta, una serie di iniziative istituzionali». Lo riferisce un comunicato dell’ufficio stampa della Provincia in relazione all’assemblea dei sindaci della provincia di Vibo Valentia convocata dal presidente Solano per discutere delle criticità inerenti la viabilità provinciale.
«Prima fra tutte – si aggiunge – quella di redigere un documento di protesta da consegnare, immediatamente, al prefetto di Vibo Valentia, Giuseppe Gualtieri, affinché interceda con l’esecutivo nazionale a tutela dei cittadini che percorrono le strade provinciali, giunte ormai a livelli minimi di sicurezza».
Nel corso dell’assemblea, Solano, che era affiancato dal segretario generale, Mario Ientile, e dal consigliere provinciale con delega alla Viabilità, Domenico Anello, ha detto di ritenere «penalizzanti i criteri adottati a livello nazionale per la ripartizione dei fondi destinati alla manutenzione delle strade provinciali».
Solano ha rilevato che la Provincia di Vibo Valentia è stata capace di compiere un vero e proprio virtuosismo amministrativo, in quanto, ormai, le entrate dell’ente sono superiori alle uscite. Poche amministrazioni pubbliche italiane sono giunte a questo brillante risultato».
Solano, dunque, sostiene di «non capacitarsi ancora del fatto che il governo nazionale non abbia accolto l’emendamento parlamentare alla Manovra finanziaria che avrebbe consentito alla Provincia di Vibo di approvare il bilancio e di uscire dallo stato di default economico-finanziario. Un emendamento di carattere tecnico-amministrativo che – ha sottolineato Solano – non avrebbe gravato economicamente sulle casse dello Stato».
«Assieme ai sindaci del Vibonese – ha detto ancora Solano – intendiamo imprimere un cambio di passo rispetto alle strategie amministrative attuate in passato. Dalla discussione odierna è infatti emersa la volontà di avviare un’azione istituzionale, condivisa e sinergica, in settori nevralgici quali la viabilità, l’edilizia scolastica e l’ambiente. Lo faremo con un agire privo di fronzoli: concreto e responsabile. Spogliandoci delle nostre casacche partitiche di appartenenza. È questa la via maestra per fare valere le istanze del territorio sui tavoli regionali e nazionali e per rilanciare un territorio le cui bellezze paesaggistiche e naturali sono tra le più apprezzate d’Italia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x