Ultimo aggiornamento alle 12:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

“All Inclusive”, pene più lievi per il traffico di coca a Catanzaro

Rideterminate in appello le condanne per tutti gli imputati. Tra questi anche un ex appuntato dei carabinieri già in servizio alla Procura del capoluogo

Pubblicato il: 12/04/2019 – 18:01
“All Inclusive”, pene più lievi per il traffico di coca a Catanzaro

CATANZARO Pene più lievi in appello per gli imputati coinvolti nel processo, con rito ordinario, nato dall’inchiesta “All Inclusive” contro un grosso traffico di cocaina a Catanzaro. La Corte d’appello di Catanzaro, presieduta da Caterina Capirò, ha rideterminato in favore degli imputati tutte le pene, compresa quella inflitta a Mario Russo, ex appuntato dei carabinieri già in servizio alla Procura di Catanzaro, al quale era stata comminata una condanna di 7 anni, 3 mesi e 27.150,00 euro di multa in primo grado, rideterminata in un anno e 11 mesi e 2.150 euro di multa in appello.
Nello specifico sono stati condannati: Giovanni Russo, 5 anni e 4 mesi (9 anni, 5 mesi e 57 mila euro di multa in primo grado); Antonio Scozzafava, 4 anni e 8 mesi (9 anni e 48 mila euro di multa in primo grado); Gheorge Luciu, 1 anno e 2 mesi (un anno e 9 mesi in primo grado); Domenico Rubino, 2 anni e 8 mesi e 10mila euro di multa (6 anni e 27 mila euro di multa in primo grado); Alessio Gennaro Spagnolo, 4 anni e 2000 euro di multa (6 anni e 2000 euro di multa); Antonio Gualtieri, 2 anni e 8 mesi e 700 euro di multa (7 anni, 6 mesi e 45 mila euro di multa in primo grado); Massimo Purcaro, 3 anni e 4 mesi e 600 euro di multa (4 anni, 6 mesi e 1.500 euro di multa in primo grado); Santo Grande, 1 anno e 3 mesi e 2.150 euro di multa (un anno 9 mesi e 3.150,00 euro di multa in primo grado); Maurizio Colicchia, un anno e 3 mesi e 2.150 euro di multa (un anno, 9 mesi e 3.150,00 euro di multa in primo grado). Riderminata la pena anche per Giuseppe Barbuto, difeso dagli avvocati Nicola Cantafora, Francesco Catanzaro e Luana Lacava, condannato in primo grado a 8 anni e 6 mesi per associazione finalizzata al narcotraffico, reato dal quale è stato assolto in appello dove è stato condannato a 3 anni e 4 mesi e 2.200 euro di multa per reati di minore entità. Nel collegio difensivo gli avvocati Antonio Lomonaco, Antonio Rania, Piero Mancuso, Francesco Gambardella, Giovanni Merante, Gregorio Viscomi, Maurizio Belmonte.
L’OPERAZIONE L’operazione “All inclusive” venne messa a segno dalla squadra mobile di Catanzaro, coordinata dalla Distrettuale antimafia, il 24 febbraio 2014. Le indagini portarono a sgominare un’organizzazione dedita al narcotraffico, a capo della quale vi erano soggetti di spessore criminale che si avvalevano di persone giovanissime, di indole particolarmente violenta, dedite anche a rapine ed estorsioni. Dalle indagini della squadra mobile emerse che due gruppi avevano stretto un patto di ferro per calmierare e avere un prezzo unico per la droga che veniva spacciata nel capoluogo. (aletru)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x