Ultimo aggiornamento alle 11:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Giallo a Domodossola, trovato morto Giuliano Roperti

L’uomo era stato coinvolto nell’inchiesta “Reventinum”. Era il nipote del presunto boss del lametino Domenico Mezzatesta. È stato trovato senza vita nella sua abitazione dalla compagna

Pubblicato il: 25/08/2019 – 16:52
Giallo a Domodossola, trovato morto Giuliano Roperti

LAMEZIA TERME È stato ritrovato morto nella sua abitazione a Domodossola, Giuliano Roperti. Il 50enne era finito a gennaio scorso al centro dell’operazione “Reventinum” condotta dalla Procura delle Repubblica di Catanzaro che aveva fatto luce sulla paurosa faida tra clan lametini nei primi anni duemila. Roperti è stato trovato privo di sensi dalla sua conviventi che ha provveduto a chiamare i soccorsi. Appena giunti sul posto, in via Aldo Moro 11, i medici del 118 non potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo. Roperti era stato arrestato nello scorso gennaio assieme ad altre 11 persone. Era il nipote di Domenico Mezzatesta, ritenuto il capo dell’omonima cosca che in passato si era scontrata con il clan Scalise per il controllo del territorio. Anche se una recente sentenza della Cassazione aveva ridimensionato le accuse. Roperti tra l’altro era stato anche scarcerato dal gip di Catanzaro
In attesa che gli inquirenti facciano piena luce sulle cause della morte dell’uomo, la Procura ha aperto un fascicolo. Stando alle prime indiscrezioni, però Roperti sarebbe stato stroncato da un malore.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x