Ultimo aggiornamento alle 16:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Cosenza, screzi in maggioranza in vista del voto sul dissesto

Fissato per lunedì 11 novembre il consiglio comunale. La minoranza si riunirà nelle prossime ore per decidere se partecipare o meno alla seduta

Pubblicato il: 05/11/2019 – 18:22
Cosenza, screzi in maggioranza in vista del voto sul dissesto

di Michele Presta
COSENZA Non è ancora pronta la delibera di dissesto con le motivazioni delle Sezioni Riunite della Corte dei Conti, ma a Palazzo dei Bruzi fervono i preparativi per il prossimo consiglio comunale. Il termine ultimo per dichiarare il dissesto, come imposto dagli uffici della Prefettura cosentina, è il 12 novembre, ecco perché in conferenza dei capigruppo è stato deciso di riunire tutti i consiglieri per lunedì 11 novembre. Le indicazioni vanno in due direzioni: in una prima seduta affrontare tutte le pratiche relative al bilancio, in una seconda discutere le questioni di natura politica. Sì, perché in sospeso c’è ancora la riunione d’assise rimandata a data da destinarsi considerato il lutto cittadino proclamato dal sindaco dopo la morte in un incidente stradale di quattro giovani ragazzi cosentini. Priorità alle pratiche di bilancio (riconoscimento di debiti fuori bilancio, variazione di bilancio e bilancio consolidato) nella seduta dedicata alla delibera di dissesto. Nell’altra poi tutte le questioni politiche rimaste in sospeso (sdemanializzazione di due rimanenze di strade comunali; la designazione di un delegato per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione del Convitto Nazionale Statale “B. Telesio” di Cosenza; la discussione sulle problematiche riguardanti i tirocinanti ex percettori della mobilità in deroga, la discussione sulla situazione di allarme sociale e insicurezza nella zona dell’Autostazione a Cosenza, la discussione concernente la “Questione relativa alla richiesta di canoni di locazione pregressi a famiglie abitanti in alloggi di proprietà comunale, nonché la verifica di avvisi di accertamento che vengono notificati nelle case dei Cosentini”).
GLI SCREZI TRA CONSIGLIERI La quadra sulla discussione è stata raggiunta al termine di una conferenza dei capigruppo poco partecipata. Nella maggioranza spiccano le assenze di Fratelli d’Italia, ma all’appello mancano anche la Lega e altri consiglieri. Nei corridoi municipali si sostiene sia una scelta aprioristica: in soldoni nulla da discutere, si va in consiglio e si vota. Per altri, invece, il tema è più di natura politica. Insomma ci sarebbero degli screzi e lo confermerebbe anche un battibecco tra Giuseppe d’Ippolito (FdI) e Gilberto Spadafora (Mario Occhiuto Sindaco) nel corso dell’ultima commissione bilancio. I due hanno avuto da ridire proprio sulle pratiche da consegnare all’attenzione del consiglio. La mancata presentazione dei documenti contabili ai componenti della commissione bilancio ha mandato fuori dai gangheri Spadafora che ha accusato d’Ippolito di fornire alla minoranza la possibilità di chiedere la presenza dell’assessore al bilancio (delega rimasta al sindaco Mario Occhiuto) per delle delucidazioni su tutti i documenti. Polemiche su polemiche. Ma se dai banchi alla destra di Occhiuto le ombre sono dense, le schiarite non arrivano dalla minoranza che rimane in attesa di capire quale sia la strategia migliore da adottare. La suggestione più invitante è quella di non presentarsi in consiglio nella speranza che le assenze nella maggioranza impediscano di raggiungere il numero legale necessario per adottare la delibera. Ma l’ipotesi è molto remota. Nei prossimi giorni i rappresentanti dell’opposizione si riuniranno per decidere se battere la strada indicata da Carlo Guccione o presentarsi in consiglio e contribuire alla discussione. (m.presta@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x