Ultimo aggiornamento alle 15:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il monitoraggio del consumo del carburante sui veicoli aziendali, la nuova frontiera del risparmio e dell’ecologia

Uno degli elementi essenziali a cui ogni ditta di trasporti o società di noleggio di flotte di veicoli deve far fronte è sicuramente il carburante. Se fino a pochi anni fa i pensieri dati dal rifor…

Pubblicato il: 29/01/2020 – 15:10
Il monitoraggio del consumo del carburante sui veicoli aziendali, la nuova frontiera del risparmio e dell’ecologia

Uno degli elementi essenziali a cui ogni ditta di trasporti o società di noleggio di flotte di veicoli deve far fronte è sicuramente il carburante. Se fino a pochi anni fa i pensieri dati dal rifornimento erano essenzialmente legati alla variabilità del prezzo del petrolio, oggi ad esso si sommano anche i limiti imposti per legge legati alla riduzione delle emissioni di CO2. Mai come in questo momento storico monitorare il consumo del carburante sui vari mezzi è diventato necessario, Webfleet grazie ai dispositivi installabili su ogni vettura, permette al gestore del parco veicoli di tenere sotto controllo il comportamento di ogni singolo conducente in rapporto al proprio mezzo. I comportamenti errati che possono condurre ad uno spreco di combustibile sono molti, spesso dovuti ad una disattenzione o ad una scarsa coscienza ecologica. Iniziare a monitorarli e provare a correggerli è diventato un obbligo di legge. Con il piano clima infatti la comunità europea impone ad ogni stato di adottare una strategia a impatto zero per il 2050 per accelerare la riduzione delle emissioni entro il 2030. Ovviamente il problema della variabilità del prezzo del carburante resta un ostacolo contingente, infatti le materie prime sono sensibili ai cambiamenti nel panorama macroeconomico globale. Le riserve di materie prime si trovano in tutto il mondo e i vari Stati non sono mai stati più economicamente connessi di quanto lo siano oggi. Gli eventi politici in una regione del mondo possono influenzare immediatamente i prezzi ovunque. Le guerre o la violenza in un’area possono chiudere importanti trasporti logistici o rotte di esportazione/importazione. Esistono degli accorgimenti da porre in essere per risparmiare carburante, dei semplici comportamenti che ogni autista dovrebbe tenere, e che – solo osservandone l’effettiva attuazione – si può risparmiare combustibile e ridurre l’emissione di anidride carbonica e l’impatto ambientale. Primo fra tutti, il controllo costante degli pneumatici del veicolo, gomme sgonfie rendono più difficile la sua trazione, perché l’attrito risulterà maggiore. Anche le modalità di guida influiscono sulla resa del carburante, il consiglio è di mantenere sempre una velocità moderata compresa tra i 90 e 120 Km/h, non solo per la sicurezza stradale, ma anche per evitare sprechi inutili; con l’aumento della velocità e soprattutto le brusche accelerate, aumenta anche il consumo del gasolio o della benzina, perché il motore è sottoposto ad uno sforzo maggiore. Guidare con i finestrini chiusi è un altro accorgimento utile, l’aumento della pressione aerostatica nel veicolo sottoporrà il motore ad un eccessivo lavoro, meglio affidarsi all’uso del condizionatore caldo/freddo, che sebbene infici altresì sull’attività del motore, basterà spegnerlo una volta raggiunta la temperatura desiderata e rientrare con i consumi. Altro errore comune dei trasportatori di veicoli di carico e scarico è quello di lasciare il motore acceso durante le consegne, questa cattiva abitudine fa male al carburante e all’ambiente.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x