Ultimo aggiornamento alle 15:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Operazione Thomas, Ottavio Rizzuto rimesso in libertà

L’indagato nell’operazione condotta dalla Dda di Catanzaro è considerato l’anello di congiunzione tra gli ambienti della politicae quelli dell’imprenditoria mafiosa

Pubblicato il: 11/02/2020 – 18:26
Operazione Thomas, Ottavio Rizzuto rimesso in libertà

CATANZARO Il Tribunale del Riesame ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’ingegnere Ottavio Rizzuto, rimettendolo completamente in libertà. A darne notizia con una nota, sono i difensori Tiziano Saporito e Sandro Furfaro. Rizzuto, venne tratto in arresto all’alba dell’operazione Thomas condotta dalla guardia di finanza di Crotone coordinata dalla Dda di Catanzaro.Ottavio Rizzuto, 71 anni, di Cutro, è considerato l’anello di congiunzione tra gli ambienti della politica (che il gip non ritiene siano a conoscenza dei contatti di Rizzuto con soggetti contigui ad ambienti criminali) e quelli dell’imprenditoria mafiosa, accusato di concorso esterno per avere favorito la cosca capeggiata da Nicolino Grande Aracri. Tutti gli incarichi occupati da Rizzuto sono stati, secondo l’accusa, spesi a favore della locale di Cutro. Nella veste di responsabile dell’ufficio tecnico del comune crotonese, avrebbe cercato di assicurare l’ottenimento di appalti a imprese legate ai Grande Aracri come quella dell’imprenditore Rosario Lerose, titolare della Lerose Idroimpianti srl sempre pronta ad assicurare impiego a persone gravitanti intorno alla cosca.
Rizzuto, da presidente del cda della Bcc di Crotone, avrebbe assicurato finanziamenti a soggetti legati alle cosche, così come l’apertura di conti correnti nei quali fare affluire fondi di provenienza illecita. Il “faccendiere” spendeva importanti conoscenze con politici regionali come Giuseppe Tursi Prato e Nicola Adamo con lo scopo di «garantire l’aggiudicazione di commesse in favore di imprese di chiara estrazione ‘ndranghetistica riconducibili a Gianni Mazzei, Maurizio Iembo e il gruppo imprenditoriale Villirillo, cui è riconducibile la Crotonscavi Costruzioni generali spa». «Siamo soddisfatti perchè provvedimenti come questo ci fanno ancora credere nella giustizia» dichiarano i due avvocati dopo aver conosciuto il verdetto dei riesame.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x