Ultimo aggiornamento alle 22:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

20.20 | Orsomarso: «Aiuteremo la Calabria a rialzarsi dopo la bufera»

Durante la puntata di questa sera del talk 20.20 l’assessore regionale alle Attività turistiche e allo Sviluppo economico illustrerà tutta una serie di misure per contrastare la crisi del mondo pro…

Pubblicato il: 23/03/2020 – 17:18
20.20 | Orsomarso: «Aiuteremo la Calabria a rialzarsi dopo la bufera»

LAMEZIA TERME La guerra al coronavirus va combattuta su due terreni. Il primo è certamente quello sanitario, il secondo riguarda l’economia, il mondo produttivo e del lavoro. Dopo aver affrontato con esperti del settore la battaglia più importante, quelle per la salute dei cittadini, in questa puntata del talk show 20.20 – prodotto dal Corriere della Calabria e L’Altro Corriere tv – saranno affrontate le grandi ricadute economiche sul Paese ed anche in una regione difficile come la Calabria.
E come la Calabria si sta organizzando in tal senso, lo spiegherà il neo assessore alle Attività turistiche ed allo Sviluppo economico, Fausto Orsomarso, fra gli altri ospiti di Danilo Monteleone e Ugo Floro.
Il rappresentante in giunta di Fratelli d’Italia annuncerà le prime misure, figlie di una delibera che sarà approvata nelle prossime ore. «Pensiamo alla cassa integrazione in deroga anche per i professionisti e le imprese con meno di cinque dipendenti – dirà Orsomarso – e non appena saranno superati i tempi tecnici, nel giro di qualche giorno, si potrà accedere alle misure di sostegno compilando una domanda. Dimostreremo così che la Calabria non è sempre l’ultima della classe».
Fausto Orsomarso rivelerà anche i prossimi passi. «Stiamo attendendo le misure che il governo centrale metterà in campo, perché insieme ai primi 25 miliardi ipotizzati ci saranno altri interventi. La Regione ha appena ricevuto la prima trance dei fondi per la cassa integrazione in deroga, pari a 39 milioni di euro, alla quale ne seguirà una seconda. In tutto questo in giunta stiamo pensando a tutta una serie di rimodulazione di fondi in base alle esigenze».
Tra le misure, «per quel che riguarda le deleghe di mia competenza – spiegherà ancora Orsomarso – chiederemo di rinviare a settembre tutta quella serie di rendicontazioni per chi deve pagare una rata».
Orsomarso guarderà al futuro, a quando la «brutta bestia» sarà passata. «Mai come oggi il nostro Paese ha ritrovato una sua unità dopo essersi disperso appresso al populismo e dietro ai grandi annunci. Certo, la crisi sarà accusata maggiormente in Lombardia e Veneto dove si produce un pezzo importante di Pil, ma anche in Calabria non sarà più come prima. E ciò significa – evidenzierà infine l’assessore regionale – che avremo imparato a non sprecare, depredare, sottovalutare. Questa grande tragedia ci impartirà una grande lezione dopo aver messo in evidenza tutte le nostre carenze, soprattutto in termini di organizzazione sanitaria. Dovremo imparare a metterci la faccia ed aver fiducia di più in noi stessi. Dopo le riflessioni, le preoccupazioni, la solidarietà, appena finirà questa “brutta bestia” dovremo avere il sangue agli occhi nella fase di ripartenza. Tutti insieme».
Da non perdere, dunque, la puntata di questa sera del talk 20.20 che andrà in onda dalle 21,00 su L’Altro Corriere Tv (canale 211 del digitale terrestre).
I SINDACATI: «BENE FIRMA ACCORDO. ORA RIMODULAZIONE POR» «Grazie a tre giorni di un intenso e proficuo confronto che ha visto impegnate la Regione Calabria e le parti sociali è stato sottoscritto l’accordo quadro per l’accesso alla cassa integrazione in deroga, in applicazione dell’articolo 22 del Decreto Legge 17 marzo 2020, relativo agli interventi per la tutela del lavoro e delle imprese nella situazione di emergenza causata dal contagio del Covid-19». Lo dichiarano  i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Calabria, Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo. «Va dato merito – aggiungono – al neo assessore Fausto Orsomarso e al dirigente Roberto Cosentino che, insieme alle organizzazioni sindacali e datoriali, hanno lavorato per giungere con celerità ad un risultato importante, finalizzato a sostenere il fragile tessuto economico della nostra regione».
«Si tratta – proseguono Sposato, Russo e Biondo – di una prima boccata d’ossigeno per un sistema economico e produttivo che, come è stato evidenziato nelle premesse all’accordo, “registra il permanere di vaste aree di crisi sia settoriali che territoriali, maggiormente aggravate dall’emergenza sanitaria”. Sappiamo che le risorse impegnate sono insufficienti per andare oltre questa prima fase: saranno, perciò, necessari nuovi interventi sia del Governo sia della Regione Calabria, che dovrà fare la sua parte, a cominciare dalla rimodulazione della programmazione del POR 2021-2027, cui bisogna immediatamente mettere mano».
«In questa prospettiva – affermano ancora i tre segretari – sarà determinante, per creare crescita, sviluppo e nuova occupazione, e non nuove forme di assistenzialismo, puntare alla realizzazione di infrastrutture fondamentali per i nostri territori, valorizzando le opportunità che si aprono grazie anche alla sospensione dei vincoli derivanti dal patto europeo di stabilità».
«Se crescerà una nuova consapevolezza della nostra responsabilità per il futuro da costruire e se questo percorso sarà adeguatamente sostenuto dalle istituzioni – concludono i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Calabria –, la nostra regione potrà riemergere a testa alta e con fierezza dai giorni difficili che insieme a tutto il Paese, all’Europa e al mondo intero sta vivendo. Ora parta il confronto con la Regione per un piano regionale di sviluppo e lavoro. #insiemecelafaremo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb