Ultimo aggiornamento alle 13:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il Coronavirus e l’eterno “non finito” calabrese

Gli “spettri” dei nuovi e ancora inesistenti ospedali suonano come una beffa in questa fase di emergenza. C’è un nuovo crono programma, ma il passato non induce all’ottimismo

Pubblicato il: 13/04/2020 – 7:36
Il Coronavirus e l’eterno “non finito” calabrese

Sono come “spettri”, che sullo sfondo si muovono a rendere ancora più emergenza l’emergenza Coronavirus in Calabria. Le grandi “incompiute” dei nuovi ospedali sono la cattiva coscienza di una classe dirigente che in una dozzina di anni non è riuscita a posare ancora nemmeno la prima pietra  per edificare strutture delle quali mai come oggi si avverte la mancanza. “Fantasmi” che si aggirano tra la Sibaritide e la Piana Vibo Valentia, la piana di Gioia Tauro e di Catanzaro. Se in questo mese e mezzo di Sos Covid-19 è un continuo denunciare le inefficienze e le insufficienze, in primo luogo strutturali, della sanità calabrese, il “pasticciaccio” della (non) costruzione dei nuovi e moderni ospedali in Calabria è una beffa ancora più inaccettabile e dolorosa. “Concepiti” nel 2007 – allora al governo della Calabria c’era l’amministrazione Loiero – all’indomani di una lunga e penosa serie di casi di malasanità e previsti in un accordo di programma con il governo nazionale (investimento complessivo 285 milioni, di cui 196 a carico dello Stato), si sono trascinati “senza meta” e “senza fine” attraverso le successive amministrazioni regionali di Scopelliti e Oliverio. Ogni Giunta ha aggiornato e previsto un proprio crono programma, poi puntualmente confessato da lungaggini burocratiche, inutili, opache e costose superconsulenze esterne (“Infrastrutture Lombarde”), progettazioni “sballate” sul piano idrogeologico, scandali e arresti che hanno colpito il “general contractor”. Il risultato? Più di 12 anni senza uno straccio di cantiere nella Sibaritide, a Vibo e nella Piana gioiese (a Catanzaro nemmeno più ci sperano, perché il nuovo ospedale del capoluogo ha infilato vie del tutto autonome e ancora di più contorte). L’ultima (brutta) sorpresa è persino un rimborso milionario (due milioni) da parte della Regione a “Infrastrutture Lombarde” (leggi qui https://www.corrieredellacalabria.it/senza-categoria/item/233940-la-calabria-ha-pagato-2-milioni-alla-lombardia-per-i-4-nuovi-ospedali-che-non-esistono/) per qualcosa che nemmeno c’è. Quello che c’è, oggi, è un nuovo punto della situazione, un nuovo cronoprogramma (di massima) per la realizzazione dei tre ospedali “classe 2007”): è quello che si evince dal Defr, il Documento di economia e finanza della Regione per il triennio 2020-2022, uno dei primissimi atti della nuova Giunta Santelli. Vi si legge: per il nuovo ospedale della Sibaritide «l’ultimazione dei lavori e l’installazione delle apparecchiature e degli arredi è prevista entro il mese di maggio 2022;; l’entrata in esercizio della struttura è prevista per il mese di dicembre 2022». Per quello di Vibo «si prevede di pervenire all’approvazione del progetto definitivo entro la fine del mese di aprile 2020 e del progetto esecutivo entro la fine del mese di dicembre 2020. L’ultimazione dei lavori e l’installazione delle apparecchiature e degli arredi è prevista entro il mese di gennaio 2023; l’entrata in esercizio della struttura è prevista per il mese di luglio 2023». Per il nuovo ospedale della Piana di Gioia Tauro – ancora dal Def – «si prevede di pervenire all’approvazione del progetto definitivo entro la fine del mese di luglio 2020 e del progetto esecutivo entro la fine del mese di maggio 2021. L’ultimazione dei lavori e l’installazione delle apparecchiature e degli arredi è prevista entro il mese di ottobre 2023; l’entrata in esercizio della struttura è prevista per il mese di maggio 2024». Previsioni. Salvo buon fine, e se tutto procede bene. E sempre Coronavirus permettendo. Non resta che sperare, cercando di non rimpiangere il tempo perduto nell’attesa che l’eterno “non finito” calabrese per una volta finisca… (ant. cant.)
 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x